Archive for the ‘Economic & Financial Essays’ Category

FINANCE – THIS STRANGER!

December 16, 2014

From the Saker:

I have asked for expert opinions and I hope to get them soon.  In the meantime, here is my own take on this which, caveat emptor, is backed by ZERO personal expertise in these matters.  Still, for whatever it’s worth, my own speculations:

1) The Ruble is falling due to three completely separate reasons:
i) The recession in the West which triggers a drop in oil prices
ii) The AngloZionist pressures on OPEC not to cut production
iii) The impact of western sanctions

The first reason given by the Saker is wrong. The second reason is wrong as well. The third reason is as wrong as the previous two.

There is an illogical thought habit in economic reasoning today which sees the finance as a branch of economy, a derivative one furthermore. That is, the belief that financial outcome depends on the economic choice made or undergone by the economic agent, that what happens in the financial markets is the direct consequence of underlying economic interactions. Nothing can be further from the truth!

Modern finance or, better yet, post-modern finance is nothing else than a gigantic superstructure conceived for the purpose of domain over the economic and political processes by the issuer of the reserve currency. It’s totally detached from economic input and obeys exclusively to the agenda of those who printed on the dollar bills the writing “e pluribus unum” (Christians know very well that it’s really the opposite: e Uno plures et omnia). 

It does not follow, it leads economic upheaval. It’s designed above all to cause fictive perceptions as a mean to impose alien choices and agenda on the economic agents targeted, or to force them out of the arena, with the juicy corollary to create for a selected few enormous profits exploiting the wild fluctuation of “prices”. Yes, because this post-modern finance, totally dependent on the reserve currency (credit) issuer(s) is just this: the ultimate price fixing scheme!!!

There is one and only one reason for the current free-fall of the ruble: selected few people and entities selling gazillions of rubles that they DO NOT HAVE in coordination. It’s the same reason for the falling price of oil, the ludicrous current price of gold and silver, the valuation of some enterprises at two times their EBITDA or at 30% of their book value and the specular valuation of other enterprises at 50 times their sales, and so forth and so on.

Therefore, the hike in the ruble interest rates by the Central Bank is theoretically not a wrong move, but it’s inane to do it in little steps over a period of time: the interest rates must be hiked at 150% overnight to get the desired effect!

However, you have to insulate your domestic economic agents and your people at large from such rates. You should do it in any case! Economy, entrepreneurs, workers, people, should be set free from the tyrannical leash of the banks! You can put as much money as you want in circulation, economic agents will never benefit if that money goes only where the banks want to!

You can survive against the Leviathan of post-modern finance only if you can ignore the fiction it produces. You can ignore it only if you make immune your people and your economy to their financial holograms. You make immune them only taking in your hands the circulation of blood (money/credit) in your economic veins. Ultimately, that can be done only with a real sovereign monetary emission, respecting all the postulates it requires!

In the meanwhile, however, you can come up with very, very useful surrogates. Therefore, i must repeat here:

The solution to the current most urgent needs of the Russian economy and financial system is very simple. All of the current turmoil can be fixed overnight with two very simple provisions:

1) Create a State Bank for Economic Development, whose ONLY activity is to provide loans to every domestic non-financial enterprise, for investment and working capital purpose, and to families, for the purchase of the home or flat where to live, with interest rates charges capped at 2%. The Russian foreign currencies reserves alone can provide this bank with a loaning firepower of several trillions dollars. Of course, the loans must be granted and repaid in the domestic currency.

2) Forbid by law any short sale (i.e. the sale of what you DO NOT HAVE, in unlimited quantities, reserved to a selected few; in short, the ultimate price fixing scheme) of any financial securities (stocks, bond, currencies). Reserve the short sale of tangible commodities ONLY to the producers of the same commodities, limited to one year of current production.

That’s all! You shall not fight against your enemies, internal and external; they will die a natural death. You don’t need the Central Bank nor government’s cooperation for that, you need only two very simple laws and you have a strong majority in the Duma. If the Kremlin wants it, it can be done in a week! With that, interest rates on the ruble can stay high, it will add pain to the scoundrels and it’s good for savers (generally, the middle class) and savings are an investment in themselves.

With that, you don’t need the verbose proposals of Glaziev too. Glaziev is very interesting, a good reading. It’s clear that he has a good understanding of the basic functioning of economy and finance, moreover he describes very well the modality of the systematic plunder, operated by what we’ll term the “international banking cartel” for convenience of presentation, against the working and productive classes (the contraposition between workers and entrepreneurs is artificial, one of the countless false dialectic fabricated by the progeny of the devil to divide society and parasitically dominate), not only in Russia but everywhere. Over and above, he draws a good portrait of the absolute inanity and incompetence of modern “economists” and financial bureaucrats (even if I doubt that somebody can be SO stupid, so that I’d rather talk of treason, not stupidity).

Anyway, when he comes to the solutions he goes a little astray, falling for a plethora of academic, verbose and hazy proposals, which could be a recipe for disaster, relying too much on the good will of too much persons to be implemented.

Do not hold your breath waiting for the Saker’s experts too. Another very useful law would be the one forbidding every public financial or economic institution to hire people with a degree in economics or finance! But maybe I am a bit too radical here…..

MAKE IT EASY

December 13, 2014

This piece by Sergei Glaziev is very interesting, a good reading. It’s clear that the writer has a good understanding of the basic functioning of economy and finance, moreover he describes very well the modality of the systematic plunder, operated by what we’ll term the “international banking cartel” for convenience of presentation, against the working and productive classes (and almost everybody else, in fact!), not only in Russia but  everywhere. Over and above, he draws a good portrait of the absolute inanity and incompetence of modern “economists” and financial bureaucrats (even if I doubt that somebody can be SO stupid, so that I’d rather talk of treason, not stupidity).

Anyway, when he comes to the solutions he goes a little astray, falling for a plethora of academic, verbose and hazy proposals, which could be a recipe for disaster, relying too much on the good will of too much persons to be implemented.

The solution to the current most urgent needs of the Russian economy and financial system is very simple. All of the current turmoil can be fixed overnight with two very simple provisions:

1) Create a State Bank for Economic Development, whose ONLY activity is to provide loans to every domestic non-financial enterprise, for investment and working capital purpose, and to families, for the purchase of the home or flat where to live, with interest rates charges capped at 2%. The Russian foreign currencies reserves alone can provide this bank with a loaning firepower of several trillions dollars. Of course, the loans must be granted and repaid in the domestic currency.

2) Forbid by law any short sale (i.e. the sale of what you DO NOT HAVE, in unlimited quantities, reserved to a selected few; in short, the ultimate price fixing scheme) of any financial securities (stocks, bond, currencies). Reserve the short sale of tangible commodities ONLY to the producers of the same commodities, limited to one year of current production.

That’s all! You shall not fight against your enemies, internal and external; they will die a natural death.

After that, start seriously implementing a real sovereign monetary emission, following all the N-E-C-E-S-S-A-R-Y postulates for its success.

Then, give alms for my sins!

FOLLOW THE MONEY(CHANGERS)

August 31, 2014

In my last article, I made the case for the bankers pushing for a cold war with Russia with the aim of isolating it economically so as to capture the European market for their $US and rescue the bankers’ position from total collapse. But where to from there for the bankers because they have ambitions of ruling the whole world, after all, and are not about to give that dream up. There is no rest for the wicked especially when a country such as Russia threatens their existence.

The bankers will be intent first of all on consolidating their political and economic grip on the US and Europe and also the Pacific Rim nations. The goal is to secure these economic markets so as to enforce the exclusive use of $US for international transactions within this trade bloc. The bankers’ power stems from the use of the $US by other countries. Once (and if) this is done and having re-consolidated their power base, they will turn their full attention back to Russia, China, the other BRICS nations and also the recalcitrant Latin American nations such as Venezuela. The reason is that the bankers have another fundamental problem and it is to do with the economies of Russia and China.

These economies have a decided advantage over Anglo/Zionist economies and so the empire of the bankers must eventually wage war on Russia and China if it is to survive let alone rule the world.

But before we examine that weakness, let’s zoom out into space a little to get a wider view on the world.

source

You’ll notice that Eurasia and Africa constitute the majority of the land mass of the world. Eurasia and Africa combined also has the vast bulk of the population of the world. Notice the size of England to the far left of the map. It’s tiny (it is actually smaller than the map indicates because this is a Mercator map which exaggerates the size of Britain and diminishes the real size of Africa by quite a bit). And Japan over at the right hand fringe of the vast Eurasian continent. It’s tiny, too. Yet both these countries have historically caused massive problems for the peoples of Eurasia. There is something very odd going on here.

Here’s another map that better shows the relative sizes-

source
Where’s America? It’s way round the other side of the globe. Yet it and Britain have been the cause of so much misery and bloodshed for the peoples of Eurasia and Africa for the last two centuries. One can imagine Vladimir Putin and Xi Jingping, together with their advisers, looking at a map like this on the wall of the strategy room in Moscow and saying to each other, “WTF?! This is Nuts! Why are we still putting up with this shit?”

The population of the Americas is measured in hundreds of millions of people while the population of Eurasia and Africa is measured in billions. The bulk of the world’s resources are in Eurasia and Africa, too. This is where the wealth is. Indeed, this is what wealth is; people and natural resources. Money is only worth what you can buy with it; what it is backed by. In other words, it is always backed by resources; people, their industriousness and natural resources. And this is what those who control the political, economic and military power of the US and the UK, the bankers, have been after all these years; control of people and resources. Money is just their tool to do this with.

There is more than just a lust for wealth and power going on here, though. Eurasia is not just a prize, it is a threat, too. There is an imperative reason for the bankers needing to control the economic life of these countries and it is the reason behind both the World Wars, the Cold War and the current aggression against Russia and soon China. These were and are all “Trade Wars”. I’ll try and explain the fundamental weakness of the private banker economies, why they lead to trade wars and why Russia (and China) represents such a threat to the bankers.

The version of Capitalism we have here in the West is one that is entirely designed around and for the benefit of privately owned central banks whose owners just happen to be mostly Jewish. (The jewishness is relevant because its commonality links together the zionist control of the UK, the US and israel, the neolibs and neocons such as Victoria Nuland and those behind the Project for a New American Century, Ukrainian figures such as Yatsenyuk and Kolomoisky together with the bankers (who pay for all this) and their private central bank economies.)

This version of capitalism is not very efficient because the bankers are forever skimming the profits of the population and periodically plunder the economy by triggering recessions and occasionally massive depressions. They make their money and consolidate their power through the generation of successive bubble economies and subsequent busts. The bankers run our economies like they are using an old suction water pump. (Here is just one example of this plundering involving the stock market.)

By lifting the handle they fill the economy (after previously keeping it short of funds) with low interest money (secured against existing assets) which expands the economy, including production of goods, and then inflates asset prices if they keep expanding the money supply to speculators (including themselves). Then the bankers and their friends sell off their assets at peak prices and shut off the supply of loans which is akin to pushing down the ‘water pump handle’ causing a contraction of the money supply and hence a contraction of the economy causing unemployment and forced sale of assets to cover loans and as the result of bankruptcies. The wealth that has been produced during the boom period is then pumped out of the pockets of the people who made the wealth and up into the pockets of the bankers and their rich conspirators. Welcome to the mysterious ‘Business Cycle’. It is really no mystery, at all.

“I believe that banking institutions are more dangerous to our liberties than standing armies. If the American people ever allow private banks to control the issue of their currency, first by inflation, then by deflation, the banks and corporations that will grow up around [the banks] will deprive the people of all property until their children wake-up homeless on the continent their fathers conquered. The issuing power should be taken from the banks and restored to the people, to whom it properly belongs.”
Thomas Jefferson, (Attributed)
3rd president of US (1743 – 1826)

This arrangement is just fine for the bankers (as opposed to the general population, of course) but a problem arises for these bankers if there appears on the scene a properly run economy with a state owned, controlled and run central bank because in short order it will outstrip the private banker run economies. The reason is that the governments of these countries do not have to borrow money at interest from bankers and they and their people do not have put up with periodic plundering and being constantly held back because of a chronic lack of investment capital.

When sufficient capital is made available through a government owned and controlled central bank and used to harness the total natural resources and of the population, prosperous times ensue. This was the case with Hitler’s Germany during the thirties and is the case with China and now Russia since Putin’s arrival at the helm. Libya, Syria and Iran are other examples. Under Gaddafi, Libya rose from the poorest country in Africa to the richest. It is not hard to achieve when you know what you are doing. In fact, it takes more effort to hold an economy back than it does to let it naturally fulfil its potential. So Libya, Syria and Iran had to go. They were starting to embarrass their neighbours like Egypt with its private London banker run Bank of Egypt central bank and Saudi Arabia with its high unemployment and increasing poverty. This is the reason for the unending propaganda levelled at Iran. This is also the reason for the ongoing economic sanctions against Iran and the current sanctions being imposed on Russia. Everything possible will be done to hinder Russia’s economic growth.

The constant stress of the boom (speculative bubble) and bust cycle is not natural at all nor mysterious as various economic schools would have us believe. It is entirely engineered by the bankers for their own profit and to everyone else’s expense. Very few people (including economists) are fully aware of this dynamic and this is why the bankers own the economic and business media such as The Economist and the Financial Times and why they promote varying economic ‘schools’ of thought; all competing with each other for influence and media space but all co-operating in not revealing the truth about banking and its central role in all the economic woes we suffer. The Bankers rule and profit through deceit. Perhaps they are guided by a variation of the Mossad motto; “By deception, thou shall do business . . . . and rule”

China has pulled itself up from among the poorest countries on earth to the point of becoming the largest economy in the world in a matter of forty odd years through steady yearly growth often in the order of 10% per year. Russia has pulled itself out of desolation to being a significant world power again within 15 years in spite of factional fighting over central bank policy.

These countries have state owned and run central banks and do not have the bubble economies so prevalent in the West. Their economies do not have to suffer the constant skimming of the bankers nor the periodic plundering by them. So it becomes inevitable that they will move ahead of the western economies and will, in time, cause many in the West to question why this is so. The bankers do not want this questioning to come about, of course. When a significant proportion of the population, or even just the industrialists, understand this essential scam run by the bankers together with the costs to themselves, the bankers are sunk.

Over the last centuries, the London bankers have brought war to nations such as Germany and Russia in order to hobble them economically so they cannot move ahead of England, subject as it is to a private central bank. England and America must follow a variation of “beggar my neighbour” policy to ensure their dominance. This means economic sanctions (declared and undeclared), ‘regime change’ and war, if necessary. All of it is designed to restrict competitive and potentially competitive economies.

In the early part of the Twentieth Century, Germany through heavy reinvesting was eclipsing England in industry through international trade. Much of it was done via shipping. While ever this was the case, Germany was vulnerable to England’s formidable navy. But Germany was looking to new overland markets in the Middle East; Turkey and beyond to Iraq. They were planning the Baghdad Railway to facilitate this trade. The English bankers knew (before anyone else) there was vast oil deposits in Iraq and knew this was the fuel of the future, especially for their navy. The overland trade would be beyond the control of the bankers and the British Navy and their window of opportunity was closing fast. So they engineered World War 1. They decimated Germany during the war and decimated it economically afterwards. The Versailles Treaty was designed to keep Germany down industrially and keep it down so it could not rival the banker run British Empire again.

The London (and later the New York) bankers had a vital interest in hindering overland trade between the countries of Eurasia and forcing them one way or another to carry out their trade via shipping and thus inserting themselves as middlemen into all international trade by owning the shipping lines, the insurance companies and the currencies used in this international trade; first British Sterling and then the US dollar. The bankers have been very successful with this simple strategy but it is all coming unglued now. China and Russia are using their own currencies and opening up overland trade routes including China’s proposed New Silk Road linking China to Germany. They are integrating the Eurasian continent and freezing the bankers out because the bankers are completely parasitic and add no value to Eurasia’s trade or to their economies. Quite the opposite, in fact.

Jewish bankers have a fondness for fascists (as seen today in Ukraine) which goes back into history. They financed Hitler to begin with but when Hitler came to power he ditched them and instituted state financing of infrastructure development and eliminated the then massive unemployment of six million people within two years. The bankers declared war on him in the international press and instituted trade sanctions against Germany in an attempt to hobble their economy. This did not work so the bankers engineered the Second World War by manipulating Poland into antagonizing Germany until it invaded. Germany’s industrial capacity was destroyed through the Allied bombing and rebuilt but firmly under banker control this time.

It then became Russia’s turn. Russia defeated Germany in the war through massive organization and commitment. This mobilization of the whole of Russia was formidable and so had to be hobbled again. The jewish Bolshevik revolution earlier in the century had put Russia back decades if not more. But Stalin had come to power and had organized Russia with its massive natural resources into the beginnings of an economic threat to the bankers once again.

So the Cold War was instituted and sold as “Containment” of the Soviet Union’s ideological and military threat to the West. It was no such thing, of course. The Soviet Union had no interest in advancing beyond its borders. It helped countries such as Cuba and North Vietnam with military equipment and other trade when asked but it was not on any crusade to convert the world despite the occasional rhetoric. The Russian threat to the world’s ‘democracy’ was a total fabrication of the bankers to win co-operation from the WASP elite and religious organizations such as the Vatican and various Protestant organizations for their ‘Policy of Containment’. It was economically driven and was designed to hobble the Soviet Union so it would not advance past the Western economies and cause problems for the bankers. And it didn’t. Mission Accomplished (for the time being). ‘Containment’/Cold War was a Trade War and not an ideological war, in other words.

It is widely held that the Cold War was kicked off by a document written by Wall Street banker, Paul Nitze. The document was NSC-68. It was later admitted that the document hyped the Soviet military threat and the excuse given was to boost military spending and cement the US position as ‘leader of the free world’; economic domination, in other words. This basic fact was hidden behind the ideology. Every conflict in the world was painted as an ideological one between the Soviet Union and the “West” led by the United States; between Communism and Capitalism; between Totalitarianism and Democracy, which equated with Tyranny verses Freedom. In actuality, it was a contest between privately owned central banks and state owned central banks and it still is. This is what millions of people have died for and may still die for!

============================================================

The author here misses the point that a State owned central bank makes no difference if the Sovereign does anyway the bid of the devil. It’s the Word of God, and a Sovereign inextricably tied to Him in his actions and subtracted to every social, political and cultural dialectic (always created and controled by the enemy of human kind), Who makes the real difference. 

That’s the only way to escape the main ruse of the enemy: the endless creation of false thesis and antithesis, whose synthesis is always more of the same devilish blob who rules the world.

Provided that you understand the Truth (Christ and His Word), you must put It above every dialectic.
It’s not a subject for discussion.
The Lord ceased to talk at the Pilate’s question: ‘what is the truth?”.

In political terms, if you want to avoid that all the great human efforts and conquests for freedom and justice, as for example the Novorossija victory against the satanic hordes of the West, would end up infiltrated, hijacked and bought off, that is ending up with more of the same, you have to deny any political dialectic over the Truth.
It’s not up for discussion, nor changes. It is and everything public must conform to it.
The power of the State must reside in that Truth, not in the “people”, people who for the most part are educated and programmed by the devil, deeply sick in their spirit and ignorant as donkeys (by consequence).
You may put It in the Constitution, but with the provision that the part regarding It is immutable, not subject to revision, discussion or interpretation.
Moreover, you have to provide effective mean to assure that the Constitution stand against the servants of the dark master.
First of all, I repeat, you must put the legitimacy of public power into the respect of that Truth. Authority derives from It and dies without It.
Then you need a few derivative provisions, which would implement in practice that standing.

They are easily conceivable!     (note by Maedhros)

========================================================

Those lusting after power and prepared to sacrifice millions of lives in that pursuit are not interested in ideologies apart from their usefulness as smokescreens to gain necessary allies and to control the mass of people and advance the cause of privately ‘printed’ money. “It’s nothing ideological. It’s just business”, as the mafia might say.

It has always been about the bankers controlling the economies of the West and hobbling the competing economies of the communist countries which they lost control of or any other country, for that matter, that they did not control.

Exactly the same policy is being instituted against Russia today and for exactly the same reason (some pundits are calling it “Containment 2.0”). And it will remain a Cold War for exactly the same reason. It will remain a cold war because the economic goals are paramount, in any case, and because the bankers cannot risk a military defeat of their stand-over merchants, the US military. Without the military threat, the bankers lose much of their power and that is why the US military only go to war with countries that cannot hope to defend themselves.

The bankers’ power originates from their ability to print $US for no cost and then exchange these dollars for real wealth in the form of goods. The banks have also printed this money and lent it to the US govt (at interest) and the US govt has used this money (which it hasn’t had to exchange any goods or wealth for) to build the massive US military machine by purchasing much of the material for its growth from other countries. The bankers have then used this machine to threaten and conquer these same countries who have subsequently resisted the economic domination and exploitation of these bankers.

The $US dollar has not suffered massive inflation due to this extravagant money printing because the bankers offered the major oil producing countries of the world (OPEC) a huge price increase for their oil and military protection for their despotic regimes if they agreed to only sell their oil for $US. The huge price increase of oil greatly increased the demand for $US, of course. The bankers have accumulated much more wealth and power out of oil than the oil producing countries have!

Money is worth what you can buy with it and if what you can buy with it expands exponentially, then the money is worth exponentially much more or alternatively you can ‘print’ exponentially much more of it without lowering its value which is exactly what the bankers did. So they expropriated the worth of the world’s oil production by ‘printing’ the money that the traded oil backed in value and then used that money to build the military that now threatens the world and particularly oil producing countries such as Russia, Iran and Iraq (again).

The way out of this circular and diabolical nightmare for the likes of Russia is to stop using the $US for its international trade (particularly its oil sales) which lowers the amount of goods it can buy and therefore lowers the demand for $US and therefore dollar’s value and power. Russia had to be prepared to face off with the US military together with its covert brothers in the CIA and their ubiquitous NGO’s and their coups and color revolutions which Russia is doing now.

So one can readily understand the vitriol being hurled at Russia and Vladimir Putin at the moment by the bankers through their owned mass media outlets and the desperation of the covert proxy wars the US is fighting at the bankers’ insistence against Russia (through Ukraine) and Iraq, Syria and, below the surface, Iran (all of them oil producers and all of them with state owned central banks). So on the surface it’s about money and oil but, ultimately, it is about dominance and power and the idea that these bankers have the (self-anointed) God given right to rule the world.

In 1992, three years after the fall and break up of the Soviet Union, theWolfowitz Doctrine emerged to replace the Cold War Containment Policy against the Soviet Union. It was directed at still controlling Russia and supporting the co-religionists in Israel of Paul Wolfowitz and his banker sponsors. Its primary tenet was American supremacy. This was to appeal to the WASP elite of America as was the Project for the New American Century that followed on the heels of the Wolfowitz Doctrine. The PNAC was authored by prominent jewish Neocons including Robert Kagan, the husband of the later to be notorious Victoria Nuland.

This was a blatant document outlining American dominance of the globe. What it didn’t outline was how this would benefit the jewish bankers. Nowhere is there mention of banking or US dollars and this is why this damning document was freely available. It was aimed at the US non-banking elite and its true purpose and beneficiaries were hidden from view. Eventually it cost the bankers’ erstwhile allies, the WASP elite and the US military who were made to look like the real enemy. The costs to their non-jewish allies are becoming more and more evident. But the plan, decades in the making, is turning pear-shaped for the bankers as country after country abandons the $US for their trade and resisting the US military threats and in doing so diminishing the power, wealth and political leverage of the bankers.

So the task that the Zionist bankers (if they survive the present debacle) will turn all their attention to in the coming decades again is to maintain and then expand again the use and power of the $US. It is reasonable to assume Putin and many others in Russia, who are intimately aware of the history, character and behaviour of jewish bankers, will have this in mind and are taking a long view of the current crisis in Ukraine. They will want above all the eventual demise of the western bankers and their $US dominated system to eliminate the ongoing long term threat to the peace of Russia, China and, indeed, the rest of the world.

If Russia is successful in isolating and bringing down the jewish bankers by taking away the demand for the $US and defeating them in Ukraine by aligning with western industrialists against the bankers, the world will be able to look forward to many years, decades or even centuries of peace and prosperity.

If Russia is not successful in gaining the support of the major European governments and/or the major industrialists especially in Europe, then Russia together with the other BRICS countries will go their own way and we in the West will be left to the voracious appetites of the most powerful and best organized pack of bloodthirsty thieves history has ever known.

But it won’t end there. The bankers have been running a scam and causing wars for hundreds of years at everyone else’s expense including at times their allies in the major churches, the aristocracy and the major industrialists. At any time throughout history and up to the present day, the bankers are at risk of being exposed, overthrown and put in jail. That risk will not go away until they control every country and every central bank in the world. So they are hell bent on controlling the world and cannot give up that quest while ever they have a dollar in their pocket to buy people with and breath in their body to tell lies.                                                               James, the Winter Patriot

IT TAKES A DUCK TO QUACK

April 10, 2014

“A capitalist may wish to sell drinking water, but Mammon wants to poison all water in order to force everybody to buy drinking water.”      (Israel Shamir)

I could spend ten years and use millions of words, but I would never be able to illustrate the difference between Capitalism and the current economic and financial system better than those few words above from Israel Shamir.

For years I’ve protested the labeling of the current economic system as capitalistic. Capitalism (as teached by the Austrian School and sistematically exposed by von Mises, teaching which has anyway a major flaw in the alleged neutrality of money – see my essay on Economic Goods and Money as a Good) is  the only correct economic theory and is just a theory!

To have it  in practice, you should have all men obeying at least the last half of God’s Decalogue (do not kill, do not steal, do not lie, do not covet, etc.). That’s not possible, as men are always free to make a moral choice; there’s no such a thing as an economic agent, you have always a moral agent!

The moment he chooses evil (and it’s inevitable if the only goal  is his economic gain), the market ceases to be free and the foundation of capitalism collapses. Moreover, beyond a certain threshold accumulation of capital, if not widespread, becomes uneconomic for the system, not least because it makes the latter less and less free. You have just to look around to see empirical evidences of this.

In fact, the current economic system does not even pretend to be capitalistic. Its monetary foundations lay on so-called money called out of thin air, outside any economic process. The process is not even rational, as this money gets its value exclusively from the State’s guarantee but the State (i.e. the citizens) must pay to get it; it’s difficult to imagine something more idiotic and criminal!

Therefore, the nature entirely parasitical of the production of the most important economic good, whose property is given to a select few, who can so create at will claims immediately due on every goods, works and services for their exclusive advantage, deny ab initio any capitalistic pretension of the current economic system. The freedom of the markets and their acting people is destroyed to the root!

As an aside, it must be stressed that only in this case it’s correct to call usury the charging of interest, namely in the case of blatant usurpation of the monetary sovereignty, when so-called money is entirely loose from any economic process or work, i.e. entirely parasitical in its production and appropriation. It’s clear that when that production and appropriation comes from free and legitimate economic process and work, money is just another economic good, even if a special one, and every economic good can legitimately require its price. (cfr. Matthew 25, 27)

Beyond this, the freedom to undertake economic activity has become just a myth in modern western demonocracies (it’s not a refuse, that’s the only correct denomination for the current western political system). Today, to make just one example, in New York you need a dozen different permits to sell lemonade. Only big fishes, sanctioned by the High Parasite (the international banks’ gang), are free to bribe their way to “economic success”; the rest are allowed to swim as much as necessary to become adequate food for the Worm’s unquenchable hunger.

Not only! The responsibility for one’s own actions again apply only in case of petty malfeasance and never against a member or a vassal of the High Parasite, unless he pisses off the pot. Crime is the only thing that pays in the current western economic environment, but only big crime!

The only freedom that common people have is to scramble all day to get the privilege to scramble one day more.

Therefore, to sum it up, if it does not look like a duck, if it does not move like a duck, if it does not quack….. well, then IT’S NOT A DUCK!!!

The current economic system is not capitalistic, it’s a slavery system, and you must be extremely stupid if you wonder why its outcome is that one percent of people control ninety percent of riches!

No man can serve two masters: for either he will hate the one, and love the other; or else he will hold to the one, and despise the other. Ye cannot serve God and mammon.

P.S. – A capitalist may wish to sell GMO for food, but Mammon wants a compliant politician to pass a law preventing people to know they are buying GMO for food (after people had made very clear that they want to know).

ANTAL FEKETE

May 5, 2013

I do not always agree with his thesis, but he should be recognized as the most innovative economist of our time. For sure, I subscribe fully to the view that Rothbard has done more evil than good to the economic and social thought.

I CIPRIOTI SONO STATI SALVATI DI NUOVO

March 25, 2013

Tutto e’ possibile ora.

1 – La dittatura finanziaria europea ha gettato definitivamente la maschera con il tentativo (abortito) di venir meno addirittura alla garanzia legale per i depositi bancari fino a 100,000 euro di valore. I piccoli risparmiatori, anche se possono tirare un sospiro di sollievo nell’immediato, faranno bene a ricordarsi che sono comunque nelle mani di quella gente. Dovrebbe anche apparire chiara, perfino ai piu’ ingenui, la finalita’ criminale di chiunque proponga restrizioni o addirittura l’eliminazione dei contanti: il passo successivo sarebbe l’impianto di un microchip sottocutaneo, per il nostro bene naturalmente. E la nostra trasformazione in una mandria umana sarebbe finalmente completa!

2 – Sembra chiara la volonta’ di creare caos ed insicurezza, con il probabile fine di stringere ulteriormente la morsa sui sudditi, in un segno palese di apprensione per la crescente consapevolezza da parte di questi ultimi della vera natura di chi li governa. Mentre non fa una piega che i grossi capitali subiscano le conseguenze del fallimento dell’entita’ ai quali si affidano, e’ bene richiamare l’attenzione sull’esiguo bisogno finanziario cipriota: poco piu’ di 10 miliardi di euro. Confrontatelo con i mille miliardi erogati a tasso risibile per 3 anni al sistema bancario europeo dalla sua banca centrale. Per quel ridicolo importo, hanno tentato di imporre ed imposto misure che distruggeranno la fiducia esterna nel sistema euro, provocheranno quasi certamente un ripensamento sull’opportunita’ di tenere soldi oltre la soglia (per ora) garantita nelle banche (soprattutto spagnole ed italiane), scateneranno un generale clima di sfiducia interna nell’impresa economica ed, infine, annienteranno il benessere dei ciprioti. Ah, ovviamente Cipro sara’ subissata da cause legali.

3 – La politica della Russia e’ un’enigma avvolto in un mistero contenuto in un arcano. Le e’ stata offerta su un piatto d’argento la possibilita’ di un’eclatante vittoria morale sull’Europa, che avrebbe significato la consegna volontaria di Cipro come provincia russa, posto altamente strategico, a costi risibili. L’unica spiegazione per il rifiuto russo e’ il fatto che, contrariamente alla propaganda mediatica, Putin non ha alcun interesse al salvataggio di quei capitali russi nelle banche cipriote, ne’ come persona, ne’ come nazione, e vede anzi con favore il colpo di maglio calato su di loro. Tali capitali non sono considerati russi, ma frutto del saccheggio della Russia, operato da gente che li usa spesso, peraltro, apertamente contro gli interessi del governo russo. E’ da tempo che il Cremlino persegue l’obiettivo di porre fine alla fuoriuscita di capitali russi dal Paese e di far rientrare quelli che hanno gia’ preso il volo, con il divieto per i dirigenti politici e dell’apparato statale di detenere conti ed attivita’ all’estero e negoziando con gli oligarchi in esilio per un loro rientro non traumatico. La cecita’ europea, in questa prospettiva, gioca tutta a suo favore, e gli da’ inoltre una buona scusa per rappresaglie contro interessi occidentali in Russia.

4 – I suddetti capitali appartengono per lo piu’ a gente poco raccomandabile. Se mi trovassi nei panni dei politici ciprioti, li considererei scomodi assai. I politici ciprioti, ma direi i politici in generale oggi, non sono comunque piu’ raccomandabili di certi detentori di quei capitali. Sono figli della menzogna e privi di qualsiasi morale, spero che questo riesca ad entrare una buona volta nella zucca delle persone.

5 – Non capisco cosa abbiano da festeggiare i “mercati”. Magari pensano che trasformando i soldi in attivita’ finanziarie (azioni o bond) eviteranno che lor signori se ne approprino. Puo’ essere, ma francamente non riesco a seguire la logica: gente che ha gia’ tentato inequivocabilmente di metterti le mani in tasca per finanziare il loro potere, si fara’ scrupolo nel caso il tuo benessere abbia forme differenti?

6 –  E’ probabile che debba aumentare ulteriormente il mio attuale target di prezzo per l’oro (3,200 $), magari non proprio raddoppiandolo, ma quasi.

7 – L’unica vera salvezza e’ in Gesu’ Cristo, ma per questo mondo basterebbe anche riappropriarsi della sovranita’ monetaria.

THE PLAGUE

January 24, 2013

David Attenborough wakes up every morning and looking at himself in the mirror rightly concludes that the man is a plague. His only error, unfortunately decisive, is to confuse the man in the mirror with the Mankind.

May I suggest to him and his fellows at the Optimum Population Trust to stop chattering and finally give us the good example? Please free Mother Earth and Her children from your burden!

Non intendo certo abbassarmi fino a confutare nel merito la spazzatura intellettuale prodotta da questi mostruosi accidenti del genere umano, quel veleno che spacciano nei loro scritti e nei loro interventi non merita un singolo scambio elettrico tra i miei neuroni. Del resto, nel merito gia’ vi entra egregiamente John West nell’articolo linkato.

Voglio solo aggiungere una considerazione. Oggi, per la prima volta nella sua storia, l’Umanita’ ha raggiunto la capacita’ tecnologica per superare finalmente la qualificazione dell’ambiente economico come scarso di risorse.

L’economia e’ sempre stata l’arte della soddisfazione dei bisogni dell’Uomo (primari, veri o presunti che fossero) in un ambiente qualificato dalla scarsita’ delle risorse. L’ambiente si qualificava in tal modo per limiti di conoscenza tecnica, culturali, geografici e di comunicazione. Ebbene, le nostre attuali potenzialita’ tecnologiche permettono oggi di superare quei limiti, mettendoci teoricamente in grado di derubricare la nostra sopravvivenza materiale, in assenza di cataclismi cosmici, ad un problema meramente organizzativo.

Questo non significa che i pasti all’improvviso diventano gratis, ma che essi possono essere prodotti con tale facilita’ da averne a sufficienza per tutti, compresi quelli che non sono in grado (per i piu’ svariati motivi) di procurarseli. Almeno i pasti (intesi come il necessario)!

Oggi la scarsita’ di risorse e’ un fenomeno puramente artificiale, perpetuato esclusivamente in funzione di controllo e dominio da una Congregazione di Parassiti che con gli Esseri Umani condividono solo l’aspetto esteriore.

Le modalita’ con le quali quella scarsita’ viene perpetuata sono molteplici, ma trovano tutte le fondamenta nell’usurpazione del potere di emissione monetaria, nel controllo della linfa vitale del sistema economico, la moneta, il mezzo di scambio. Senza quel Potere, usurpato, al Parassita non rimarrebbe alcun potere.

Ed il 99% dei Figli di Dio potrebbe condurre la propria esistenza in maniera diversa dall’affannarsi tutto il giorno per avere il privilegio di affannarsi un giorno in piu’!

Ricordo a tutti ancora una volta che nel sistema monetario odierno lo Stato riconosce al Parassita un interesse per avere a disposizione della moneta che ha valore esclusivamente per la garanzia che lo Stato stesso gli da’. 

 E’ talmente assurdo che quando tra qualche secolo studieranno la storia dei nostri tempi non riusciranno a crederci!

In questo modo, risorse pressoche’ infinite (prima dovevano quantomeno accumulare oro) sono a disposizione del Parassita, che le usa con gusto per saccheggiare ed impadronirsi del sistema produttivo, concentrando sempre piu’ la ricchezza nelle sue mani, per controllare milioni di schiavi impiegati con salari da fame e corrompere ogni autorita’ pubblica, al fine di imporre i suoi disvalori alla societa’ (per meglio smembrarla ed averla in pugno) ed assicurarsi altre concessioni e privilegi, restando altresi’ al sicuro da reazioni dietro il monopolio coercitivo e della violenza detenuto dallo Stato.

E’ cosi’ che controllano il mondo, il resto e’ solo conseguenza. Possono comprarsi tutto, si sono comprati tutto! Mentre i capponi continuano a beccarsi e gli intellettuali discutono del sesso degli angeli (euro o lira, sterlina o dracma, come se cambiare denominazione alla corda che ti impicca significasse trasformarla in una comoda e calda sciarpa).

A noi resta solo il conto da pagare, quel debito che il Parassita crea a piacimento. Ce ne concede qualche briciola, come privilegio ed a costi ignobili, oppure come salario di mera sopravvivenza in cambio della ricchezza che creiamo come lavoratori ed imprenditori, ma lo paghiamo tutto.

L‘unica via di uscita e’ la restituzione della sovranita’ monetaria alle Nazioni.

Se non si esce da questo sistema diabolico, possono farsi solo battaglie di retroguardia. Non che tali battaglie non vadano fatte, ma e’ inutile aspettarsi cambiamenti di rilievo: proseguiranno le cronache dell’Anticristo!

APPUNTI PER IL SUPERAMENTO DEL DOMINIO PARASSITARIO SULLA SALUTE DEL MONDO

October 28, 2012

Postulati dell’emissione monetaria sovrana

A quattro anni di distanza dallo scoppio dell’ennesima crisi finanziaria (la piu’ grave) dovuta all’usurpazione ed alla manipolazione criminale dell’emissione monetaria da parte del cartello bancario internazionale, appare chiaro che non e’ possibile aspettarsi soluzioni che riescano a portarci fuori dall’incubo in cui hanno precipitato il mondo, nell’ultimo secolo in particolare.

Le cosiddette soluzioni escogitate dalle cosiddette autorita’ politiche dell’Occidente sono chiaramente connotate come asservimento totale a quello stesso cartello bancario internazionale, grazie al quale il nostro problema, il principale problema del mondo, origina. I risultati delle soluzioni offerte dalle marionette che ci governano hanno comportato l’aumento ulteriore ed  esponenziale del debito delle Nazioni, lo strangolamento definitivo di imprese e lavoratori ed il completamento di un sistema fiscale predatorio e fuorilegge, coronato da una militarizzazione crescente nei rapporti dei suddetti pupazzi con la cittadinanza che osa protestare contro il proprio macello, e da una criminalizzazione del dissenso. In altre parole, esse sono il tassello ulteriore nel cementare il piano di dominio sul mondo portato avanti con ammirevole perserveranza e scientifica depravazione da intelligentissimi parassiti, piano che ormai appare lampante a chiunque non sia devastato mentalmente in maniera definitiva da decenni di propaganda mediatica ed educativa (ed a chiunque non sia parte del problema).

L’esecuzione di tale piano poggia su tre componenti fondamentali di controllo: il controllo dell’emissione di moneta, il controllo dei mezzi di comunicazione tradizionali e delle istituzioni educative, il controllo dei posti chiave di governo delle singole Nazioni (teso in definitiva a svuotarle della loro identita’ e sovranita’). Ma non c’e’ alcun dubbio che senza il primo tipo di controllo nessuno degli altri sarebbe possibile, tutto l’edificio poggia sull’incredibile privilegio di poter emettere a piacimento moneta/credito, una pretesa immediatamente esigibile su ogni bene e servizio unicamente per la garanzia statale che ad essa viene concessa, girandola poi allo Stato stesso dietro pagamento di interessi. In altre parole, le Nazioni pagano per la garanzia che LORO concedono sulla moneta. Non preoccupatevi se vi sembra assurdo, LO E’!!!

E’ percio’ altrettanto chiaro che e’ possibile smantellare tale criminale edificio esclusivamente (e semplicemente) smantellando tale colossale rapina, che condede a poche centinaia di persone che si cooptano fra di loro il potere di crearsi dal niente e senza alcuna fatica risorse illimitate con le quali impadronirsi di ogni goccia di benessere prodotto da chi intraprende o lavora. Tale abominio puo’ cessare solo attraverso il ritorno alle Nazioni di cio’ che esclusivamente appartiene a loro: la sovranita’ sui mezzi di pagamento nazionali. Il resto sono solo chiacchiere e cortine fumogene.

E’ assolutamente necessario che la moneta ritorni ad essere una cosa distinta dal credito/debito, anche nella sua mera forma di mezzo di pagamento (che non e’ l’unica sua funzione, ma e’ la piu’ importante), superando l’aberrazione concettuale ancora prima che pratica di un debito che paga il debito. E’ pertanto da respingere la teoria che vorrebbe la crisi generata dal passaggio all’euro, che si risolverebbe tornando alla lira o alla dracma. Chi sostiene una cosa del genere non ha capito un accidente! Tale ritorno non significherebbe riappropriarsi della sovranita’ monetaria, una sovranita’ che non e’ mai appartenuta alle Nazioni, ma sempre alle banche; significherebbe semplicemente cambiare denominazione alla corda che ci impicca!

Se anche in teoria fosse possibile emettere moneta/credito a piacimento da parte delle Nazioni, stabilendo dei tassi di interesse minimi (e’ la soluzione giapponese), il problema sarebbe semplicemente alleviato, ma non risolto. In primo luogo, bisognerebbe mandare la moneta/credito direttamente nelle tasche dei cittadini, eliminando in toto l’intermediazione delle banche, ASSOLUTAMENTE INUTILE* e discriminatoria. In secondo luogo, permanendo il non senso concettuale del debito che paga il debito, questo continuerebbe ad accumularsi nel sistema ed il suo servizio, anche allo 0,1%, sarebbe comunque un drenaggio continuo di risorse prodotte, alla lunga insostenibile.

La vera sovranita’ monetaria nei mezzi di pagamento puo’ ottenersi solo attraverso la loro emissione diretta da parte delle Nazioni e la loro immissione diretta nel sistema, fuori da qualsiasi intermediazione nel tragitto dal sovrano ai cittadini. Vi sono stati vari studi al riguardo, il piu’ importante dei quali a mio avviso e’ il cd. Chicago Plan del 1936, recentemente rielaborato, e vi sono vari suggerimenti in tal senso anche in circoli bancari e finanziari. Vi sono stati anche vari tentativi di implementazione fattiva nel corso dei secoli, i piu’ famosi dei quali furono quelli di alcuni presidenti degli Stati Uniti americani, Lincoln, Garfield, Kennedy. Si prega di notare che essi furono tutti assassinati nell’esercizio delle loro funzioni…..

Tutto cio’ va senz’altro nella direzione giusta e rappresenta l’unica direzione percorribile se si vuole evitare il trionfo finale del Grande Parassita. Ma e’ assolutamente necessario che si prenda coscienza del fatto che tale emissione sovrana monetaria deve avere caratteristiche precise e stringenti requisiti, pena il suo fallimento.

1 – Essa deve avvenire in regime concorrenziale e non sostitutivo della moneta/credito attualmente esistente, che dev’essere ritenuta per le transazioni internazionali e finanziarie, oltre che come termine di riferimento e di contenimento indiretto per l’emissione sovrana. Va ricordato che la sovranita’ ha un senso ed un significato solo in ambito nazionale, una sovranita’ internazionale e’ una contraddizione in termini. La moneta sovrana e’ concettualmente distinta dalla moneta/credito, la prima e’ moneta, la seconda e’ debito; pertanto non puo’ sostituirla, se non nella sua funzione propria di mezzo di pagamento.

2 – L’emissione sovrana monetaria deve avere natura decrementale, deve cioe’ annullarsi ad un tasso prestabilito dopo la sua emissione, ove non spesa. Tale caratteristica e’ essenziale onde evitare un accumulo dei mezzi di pagamento nel sistema, che ne svilirebbero il valore e la funzione. Essa deve avere circolazione esclusivamente elettronica, non fisica, con saldi gestiti in maniera centralizzata dal Sovrano.

3 – La quantita’ di moneta sovrana da emettere deve essere assolutamente svincolata da qualsiasi discrezionalita’. La sua emissione deve dipendere esclusivamente dal fabbisogno della Nazione, quello cioe’ che serve allo Stato per pagare sul territorio nazionale pensioni e stipendi, beni e servizi. Tali pagamenti devono comunque prevedere una parte effettuata in moneta/credito, in percentuale inversamente proporzionale all’entita’ del pagamento (maggiore il pagamento, minore la percentuale di moneta/credito). Solo i sussidi vanno pagati interamente in moneta sovrana.

4 – Il tasso di cambio tra moneta sovrana e moneta/credito internazionale di riferimento deve essere asimmetrico e stabilito in misura fissa ed immutabile per il singolo territorio nazionale, una volta e per sempre.

5 – Bisogna essere consapevoli che tale emissione monetaria sovrana non trova una sua giustificazione diretta ed immediata nei processi economici produttivi. Va pertanto previsto un aggancio di tale emissione ad un bene prodotto tramite processi economici ed universalmente riconoscibile. Tale bene e’ stato individuato da millenni di pratica economica e si chiama Oro (anche l’Argento, ma il discorso e’ un pochino piu’ complicato in questo caso). L’aggancio necessario e’ l’aumento delle riserve auree nazionali in proporzione percentuale ove il saldo della massa monetaria sovrana sia aumentata nel sistema, rispetto a quella presente alla fine del primo anno di emissione (massa monetaria che, ricordo, scompare ad un ritmo abbastanza sostenuto tra decremento statutario e quello dovuto al cambio).

Tali punti salienti e le modalita’ della loro attuazione pratica sono affrontati in dettaglio nella mia Proposta, alla quale rimando.

* E’ interessante il tentativo della Lettonia, che ha in programma di emettere debito su richiesta diretta del singolo cittadino. Chi ha risparmi e vuole prestarli allo Stato, va alla Posta e richiede il taglio e la scadenza desiderati, l’emissione e’ istantanea e priva di spese e qualsiasi intermediazione. Il titolo non viene quotato, se si ha necessita’ di vendere prima della scadenza, lo Stato riacquista il capitale ma non corrisponde gli interessi. Un passo sicuramente lodevole, ma che non risolve certo il problema.

TRILOGIA SULL’EMISSIONE MONETARIA SOVRANA

May 24, 2012

ANCHE DI PANE VIVE L’UOMO

PREAMBLE

The Basic = Economic goods and Money as a good

The Evolution = Follow the Money(changers)

The Conclusion = It takes a duck to quack

CORPUS

Individuazione del Problema = La piaga

Analisi e Soluzione Logica = Postulati dell’emissione monetaria sovrana

Soluzione Pratica = La proposta per salvare il mondo

UN’IDEUZZA PER SALVARE IL MONDO

May 15, 2012

O almeno per risolvere il problema del debito in Italia (ma non solo, e’ applicabile universalmente).

E’ l’occasione anche per affrontare di petto una delle proposte del Movimento 5 Stelle, sebbene non proprio ufficiale (non l’ho vista nero su bianco nel Programma), che considero altamente deleteria e che sarebbe catastrofica, ove implementata: l’uscita dall’Euro.

Sul perche’ ci si debba considerare fortunati ad avere avuto l’Euro come valuta durante questi primi terribili anni del nuovo millennio ho scritto diffusamente in passato, e quindi non mi ripetero’. Mi concedo solo l’ennesima esortazione a smetterla di calunniare il capitalismo, ritenendo che questo sistema sia capitalista; non lo e’!!!

(a coloro che volessero una piu’ ampia esposizione teorica al riguardo, raccomando questo magnifico saggio di Hans-Herman Hoppe)

Voglio invece concentrarmi sul trovare una soluzione, una via d’uscita dalla situazione attuale, che e’ obiettivamente insostenibile. La maggiore lagnanza che sento sta nel fatto che non saremmo piu’ sovrani in campo monetario, il che e’ in teoria vero: possiamo ormai incidere solo pro quota, collegialmente, sulla politica monetaria. In pratica pero’, la dura verita’ e’ che i cittadini italiani non sono MAI stati sovrani in quel campo, i sovrani sono sempre stati quei pezzi di merda che hanno spolpato il Paese, oggi lo sarebbero quei parassiti che stanno guardando senza battere ciglio e senza rinunciare ad un solo euro delle loro rapine i corpi della povera gente che hanno spinto ad ammazzarsi.

Precisato questo, voglio richiamare l’attenzione sul fatto che noi, come Stato, o meglio, una volta che ci saremo ripresi lo Stato, rimaniano sovrani sul nostro territorio e su ogni soggetto fisico e giuridico che ivi risieda ed agisca. Il motivo principale per cui io sono sempre stato contrario allo stampare moneta per risolvere il problema del debito che ci sta strangolando ha duplice natura. In primis, la moneta contemporanea viene fuori come debito, e pretendere di risolvere un problema di debito con un aumento di debito ha la stessa saggezza dello spegnere un incendio con la benzina. Ma cosa piu’ grave ancora, la nuova moneta viene interamente affidata alla banche, che ne fanno l’uso solito, sconsiderato, parassitario, improduttivo. Mica mandano l’assegno direttamente a casa della gente, nel qual caso la mia obiezione cadrebbe, almeno per una grossa parte. In altre parole, i fautori di tale “soluzione”, tipo gli economisti patentati alla Krugman, intendono spegnere l’incendio con la benzina, affidandola per giunta nelle mani del piromane stesso. Geniale, non v’e’ che dire!

Ma le banche che operano in territorio italiano sono soggette alla sovranita’ italiana. E possono essere obbligate a comportamenti responsabili, come chiunque altro. Basta volerlo. E volendo, quindi, ci sono due cosucce, relativamente semplici, che potrebbero risolvere il problema del debito e della situazione insostenibile che ha creato, in tempi abbastanza rapidi ed evitando l’Apocalisse che seguirebbe ad un ripudio tout court del gigantesco debito italiano.

PRIMUM   NON   NOCERE

Si costringono le banche di diritto italiano ad usare obbligatoriamente il 75% di ogni finanziamento ottenuto dalla BCE per sottoscrivere titoli di debito dello Stato, di pari durata e con un agio a loro favore dello 0,5%. Invece di usare la nuova moneta come hanno sempre fatto, scommettendo sul sesso finanziario degli angeli o foraggiando nepotismo ed arricchimento manageriale o prestandola a tipetti alla Ligresti, essa viene messa a disposizione dello Stato, SENZA lucrarci un 3-4%  nel passaggio, un lucro che non ha alcuna giustificazione, un’estorsione insomma.

Si costringe altresi’ lo Stato a non usare tali somme per pagare le mignotte al pezzo di merda di turno o per costruire ponti che finiscono contro un palazzo, ma a vincolarle per essere destinate a dare respiro alle imprese ed ai cittadini in difficolta’ e finanziare idee e piccoli progetti. Il tutto senza tenerle in un enorme calderone a Roma, gestito magari da gente tipo Mastropasqua, che prende gettoni di presenza in 24 consigli d’amministrazione di societa’ pubbliche (ma quante cazzo di ore ha la giornata di Mastropasqua?). I fondi vanno mandati direttamente ai Comuni, in proporzione alla popolazione residente, che provvedono ad assegnarli direttamente a chi ne fa domanda, allo stesso tasso di interesse pagato dallo Stato alle banche e con un tetto massimo di 1 milione di euro per impresa o progetto e 50,000 euro per cittadino o nucleo familiare, con obbligo di pubblicazione in rete di ogni singolo movimento intervenuto nella gestione dei fondi stessi.

Sarebbe molto utile anche una semplice disposizione che stabilisse l’allocazione in parti uguali tra capitale ed interessi di ogni rata di rimborso prestiti, salvo ogni accordo piu’ favorevole al debitore. Prego astenersi utili idioti e prostitute di corte dal cianciare di lesa competitivita’ del parassitismo bancario (la mitica competitivita’ a spese degli altri), preferisco di gran lunga aumentare la competitivita’ del resto del Paese.

SUUM   CUIQUE   TRIBUERE

Emissione da parte dello Stato di moneta “geselliana” decrementale, da porre in circolazione per via esclusivamente elettronica ed in concorrenza con gli Euro, NON in loro sostituzione. Moneta che chiameremo Euracci, emessa alla pari dallo Stato, e liberamente convertibile in Euro dopo l’emissione al tasso (fisso ed immodificabile) di 105 Euracci per 100 Euro cambiati e 90 Euro per 100 Euracci cambiati.

Il progetto riprende una proposta letta in Rete qualche tempo fa, di cui purtroppo non ricordo il nome dell’autore, ne’ il posto dove la lessi. Non appena riesco a ritrovarlo, potro’ farne la doverosa citazione.

(alla fine ce l’ho fatta, la proposta originale e’ di Alessandro Pedone, potete leggerla qui)

L’idea originale di Gesell non potrebbe mai funzionare, la moneta decrementale va immessa nel sistema in maniera concorrenziale con quella a debito o con quella convertibile in specie, mai esclusiva. Questa e’ la mia innovazione fondamentale.

Quella proposta era anche bisognevole di una struttura meglio articolata, contenendo lacune tali da inficiarne irrimediabilmente il funzionamento, a mio parere, tra cui quelle gravissime di permettere a tale moneta la compravendita finanziaria e di avere, appunto, l’esclusiva nei pagamenti statali. Lacune che qui provvedo a colmare.

Tale moneta si deprezzerebbe dello 0,5% mensile, ove non spesa. Piu’ precisamente, l’ultimo giorno di ogni mese il saldo del tuo conto in Euracci viene decurtato dello 0,5% (se il 30 o 31 hai 100 Euracci di saldo, il giorno successivo ti ritrovi con 99,5). E’ moneta deperibile insomma, come le merci, anche se a lunghissima conservazione. Essa verrebbe supportata dalla piena garanzia dello Stato italiano e dalle riserve in valuta ed auree della Banca d’Italia. In proposito, sarebbe piu’ che opportuno sapere pubblicamente dove si trovano quelle circa 3.000 tonnellate d’oro e perche’, eventualmente, non stanno al loro posto, cioe’ in Italia!

Ogni stipendio e pensione pubblici, cosi’ come ogni pagamento di forniture e servizi allo Stato, verrebbe da questi pagato con una proporzione del 40% in Euro e del 60% in Euracci. Se lo stipendio o pensione e’ superiore a 3,000 Euro, la proporzione di Euracci passa all’80% per l’eccedenza. Lo stesso per ogni pagamento di beni o servizi superiore a 100,000 euro. Ogni sussidio viene pagato in Euracci al 100%.

Gli Euracci sono moneta legale per il pagamento di qualsiasi bene o servizio in Italia, tasse comprese, fino al 70% del dovuto (85% per l’IVA, con compensazioni immediate, e 100% per accise e multe). I prezzi di ogni merce venduta ed ogni servizio fornito in Italia rimangono unici e si intendono espressi in Euracci (ovviamente pagabili anche in Euro, se sei scemo). Rimangono fuori solo i titoli finanziari, la cui compravendita e’ possibile esclusivamente in Euro, mentre per le compravendite immobiliari e per le cessioni di aziende non quotate le modalita’ di pagamento sono rimesse alla discrezione del venditore, che decide se accettare Euracci ed in quale proporzione. L’uso del contante (possibile solo in Euro) rimane libero e privo di costrizioni.

Il fabbisogno finanziario dello Stato viene abbattuto in un colpo solo del 70%.

La deperibilita’ della moneta “geselliana” non intacca in alcun modo i cittadini con redditi medio-bassi, in quanto le spese mensili per tali tipologie superano di gran lunga il 60% del reddito. Anzi, hanno un agio immediato del 5% quando andranno a cambiare gli Euro in Euracci per coprire le spese in eccedenza, mentre i redditi alti ed altissimi sono costretti “gentilmente” a redistribuire, cambiando tutti quegli Euracci in eccedenza delle loro spese mensili o accusando un 6% annuo di svalutazione se non lo fanno o non li spendono in qualche modo, magari investendoli in attivita’ produttive e creando lavoro. In ogni caso, il cambio non puo’ mai eccedere il 25% del saldo attivo del conto in Euracci.

Gli Euracci cambiati (10% del debito statale eliminato all’istante) vengono dalle banche annullati immediatamente, ricevendo in cambio dallo Stato titoli triennali con agio di 150 punti base sull’Euribor a saldo dell’intero importo che hanno sborsato in Euro.

Alle imprese verrebbe riconosciuta la facolta’ di pagare gli stipendi fino a 5,000 euro trasferendo l’importo equivalente in Euracci allo Stato, che provvederebbe poi ad accreditarli direttamente al lavoratore nella proporzione sopra stabilita. Per il loro fabbisogno in merci e servizi sarebbero “gentilmente” invitate a guardarsi intorno tra l’offerta italiana, per poterli pagare in Euracci. Ovviamente, la cosa non sempre e’ possibile, e quindi verrebbe loro riconosciuta la facolta’ di poter convertire annualmente Euracci in Euro alla pari, nella proporzione del 15% delle loro disponibilita’ liquide risultanti dall’ultimo bilancio approvato.

La maggiore incentivazione alla spesa data dalla moneta decrementale, una spesa totalmente elettronica e quindi tracciabile, risulterebbe in una gigantesca emersione imponibile. Sarebbe auspicabile che la cosa si accompagnasse ad una progressiva riduzione delle imposte sul reddito delle persone fisiche e giuridiche e di quelle sul risparmio, fino alla loro totale scomparsa, completamente sostituite da un’imposta sui consumi inferiore al 15% (con esenzione totale per cibo e medicine) e da una tassa annuale non superiore all’1% su ogni patrimonio finanziario, immobiliare ed aziendale, SENZA ALCUNA ECCEZIONE!

Essendo la sua emissione a costo zero per lo Stato, la moneta decrementale potrebbe tranquillamente essere usata per sussidiare senza lavoro e famiglie con bambini, senza patemi di deficit. Evitando di strafare, che in tal modo si incentiva l’indolenza: qualche centinaio di Euracci al mese, per conservare un minimo di dignita’ ed evitare il richiamo delle sirene criminali in attesa che le cose vadano meglio.

Dopo il primo anno di circolazione della moneta sovrana e per tutti gli anni successivi, ove il saldo totale degli Euracci presenti nel sistema sia superiore a quello dell’anno precedente, la Banca d’Italia deve procedere ad aumentare le sue riserve auree in proporzione percentuale all’aumento intervenuto.

I costi pubblici per l’implementazione, principalmente di tipo informatico e per l’emissione delle carte di pagamento in Euracci, credo siano stimabili intorno ai 150 milioni di Euro. Per la loro copertura, basta dimezzare il numero dei badanti per Napolitano. I costi per i professionisti e le aziende sono limitati all’equivalente di un terminale per l’accettazione di pagamenti elettronici, piu’ piccole incombenze aggiuntive di contabilita’. Costi maggiori sono probabilmente da mettere in conto per le banche. Lungi dal considerarla un problema, la cosa mi fa un immenso piacere.

Potrei continuare ad aggiungere dettagli, ma la cosa sarebbe ridondante. I punti essenziali della proposta sono stati illustrati.

Ed ora che ho salvato il mondo, mi raccomando: non fiori, ma opere di bene!

Castrese Tipaldi         15 Maggio 2012

POSTILLA

Ringrazio per la critica della band di Ziggy Stardust, ma mi perdonera’ se non la affronto. E’ parecchio difficile rispondere a critiche basate su un “Non funziona!”, non seguite da alcuna spiegazione del perche’ non funzionerebbe.

Un “Non funziona!” equivale a “Parola di Dio!”. Tutto quel che posso fare e’ rispondere “Rendiamo grazie a Dio!”.

Del resto, visto la successiva riproposizione della solita solfa, la mitica svalutazione che ti rende piu’ competitivo, appare abbastanza chiaro che non si e’ capito granche’. Per lezioni in merito suggerisco di rivolgersi a Mugabe.

Il problema non e’ l’Euro al posto della Lira, o viceversa. Il problema e’ che con qualsiasi cazzo di valuta, nel sistema monetario contemporaneo l’unica sovranita’ che hai e’ quella di pagare alle banche uno spread di diverse centinaia di punti base su somme enormi in cambio della TUA garanzia sulla moneta emessa a debito dalla loro mammina, la Banca Centrale, che loro poi ti girano, eventualmente, come se ti facessero un favore. Una sovranita’ che ti costa un pacco di miliardi ogni volta che mammina apre le gambe!

Poi uno si chiede “Ma perche’ ‘sto debito aumenta in continuazione?”. Ma come perche’? Perche’ due piu’ due fa quattro, tesoro mio!

In tale sistema, puoi emettere tutta la moneta che vuoi. Essa beneficera’ E-S-C-L-U-S-I-V-A-M-E-N-T-E loro, e gli amici degli amici. A te va solo il conto da pagare!

Quello che sto tentando disperatamente di spiegare e’ che la sovranita’ monetaria non ci e’ stata scippata. La sovranita’ monetaria noi non l’abbiamo mai avuta. La sovranita’ e’ sempre appartenuta alle banche, ed e’ stata semplicemente trasferita a Francoforte (ed e’ gia’ un miglioramento rispetto a quello che avevamo prima).

Che tu abbia gli Euro, le Lire o i Vatu di Vanuatu, con la moneta a debito sono le banche a controllare l’emissione, ricevono la garanzia dello Stato su quell’emissione e…. GLIELA FANNO PAGARE. E’ un circolo vizioso che non potra’ mai essere spezzato, un costo enorme ed inutile, senza alcuna contropartita, e non puo’ avere altro risultato che l’accumulo infinito di debito, perche’ il debito non puo’ essere eliminato dal debito. Puoi cambiare la denominazione di quel debito, chiamarlo Lira, Dracma o Giorgio, il risultato non cambiera’! Il debito puo’ solo sommarsi al debito, non puo’ pagarlo.

L’unico modo per spezzare questa catena e’ quello che ho indicato. Emissione diretta da parte dello Stato di moneta deperibile (destinata col tempo ad annullarsi, ad uscire dal sistema), mandata direttamente in tasca ai cittadini, circolante in maniera solo virtuale ed interna, in concorrenza con la moneta a debito (ritenuta per uso internazionale e sussidiario interno e per evitare sbracamenti), senza aumento di massa monetaria (se aumenta, aumenta automaticamente anche la solvibilita’ del sistema, con gli acquisti aurei della Banca d’Italia) e con modalita’ flessibili ed eque, senza espropri e coercizioni di sorta.

Anche i redditi alti ed altissimi, colpiti da un 10% nel cambio delle eccedenze in Euracci, avrebbero in prospettiva un guadagno netto bello sostanzioso, una volta che le imposte sul reddito siano gradualmente azzerate.

Il resto si riduce ad una mera scelta riguardo la marca dello strumento con cui dilatano lo sfintere del resto del mondo da circa un secolo.

POSTILLA II

Signori miei, la BCE puo’ tranquillamente attaccarsi al tram.

Appartenere all’Eurozona significa solo che non possiamo emettere moneta concorrenziale A DEBITO. E non ho alcuna intenzione di farlo. Come vi ho detto, non intendo certo pagare la garanzia che IO do’ alla loro moneta

L’emissione di moneta decrementale, un mero strumento di pagamento, esclusivamente interno e separato a compartimenti stagni dall’Euro, rientra pienamente nelle facolta’ sovrane di un Paese. Lo Stato si limita ad effettuare i suoi pagamenti interni con le modalita’ e le proporzioni sopra stabilite, emettendo moneta di spesa destinata a circolare e progressivamente ad annullarsi, immediatamente quando gli torna indietro con le tasse o per il cambio, oppure in meno di 17 anni se permane nel sistema. Ogni mese il saldo totale di questa moneta di spesa circolante nel sistema si abbassa automaticamente dello 0,5%.

A parte i pagamenti interni, lo Stato non compie alcun’altra operazione con la moneta decrementale. Non e’ che emette Euracci e costringe poi le banche a cambiarglieli in Euro, il cambio e’ riservato ai soli agenti economici interni che li hanno ricevuti in pagamento. Internazionalmente, ogni operazione e pagamento continuano ad essere fatti in Euro. Finanziariamente l’Euro viene confermato nella sua esclusivita’. Il debito preesistente continua ad essere onorato in Euro, con solvibilita’ aumentata in maniera esponenziale in seguito ad un fabbisogno interno ridotto al 30% del totale. I patrimoni finanziari presenti non vengono toccati, nessuno viene costretto a fare niente (se non in maniera molto gentile, come illustrato sopra).

Lo Stato si limita a dire che lui i pagamenti sul suo territorio li effettua con quelle modalita’ ed in quelle proporzioni, che la sua moneta di spesa, una moneta finalmente sovrana, paga ogni bene e servizio in Italia, ed anche la sua imposizione fiscale per la grandissima parte. Se a qualcuno non sta bene, FORA DE BALL!!! Non fa affari in Italia!

E se qualcuno la volesse mettere giu’ dura, basta bisbigliargli nell’orecchio se per caso preferisca il semplice ripudio del debito. Non resterebbe in piedi nulla in Europa, a parte (forse) la Germania, ma gravemente ferita ed in prognosi riservata.

Riguardo le garanzie, non ho ben capito. Quelle garanzie sarebbero sufficienti oggi ed insufficienti quando l’emissione della moneta deperibile abbatterebbe il mio fabbisogno finanziario interno di circa il 70%, quando devo indebitarmi o saccheggiare la struttura produttiva italiana per il 70% in meno? Ma mi state prendendo per il culo, o cosa?

Venendo poi agli esperimenti gia’ fatti di doppia circolazione, certo che sono falliti. E continueranno a fallire, a meno che non seguano punto per punto i cardini della mia proposta. Nessuno di essi e’ posto li’ a caso. E ancora mi manca la regolamentazione del rimborso dei debiti privati preesistenti. Probabilmente, la cosa migliore sarebbe stabilirne il pagamento in Euro, salvo diverso accordo fra le parti. Va previsto comunque un tetto al tasso di interesse applicabile ai prestiti, che non dovrebbe mai superare un agio del 5% sul tasso stabilito dalla banca centrale di riferimento, all’atto della stipula.

Poi certo, e’ solo un bel sogno. Non c’e’ la benche’ minima possibilita’ che i pezzi di BIBIP attualmente al potere approvino una cosa del genere. Sarebbe come Toto’ Riina che approvasse il carcere duro per i mafiosi e una corsia preferenziale per la confisca dei loro beni. Ma questo non inficia minimamente la validita’ della proposta.

Magari, se il Movimento animato da Grillo prendesse il 35-40% alle prossime elezioni politiche…..

Io solo sogni posso offrire. Pero’, se mi date carta bianca per un paio d’anni, ve li faccio pure avverare.

POSTILLA III

Si rende necessaria onde affrontare i rilievi mossi da Alessandro Pedone (li potete leggere nei commenti), per i quali lo ringrazio.

Il principale punto di forza della mia proposta, nella sua struttura completa, sta proprio nell’eliminare l’autorita’ pubblica e la matematica “metafisica” dalla sua applicazione. Da Austriaco di ferro, una delle mie convinzioni piu’ profonde e’ che l’intervento dell’autorita’ pubblica in economia risulta sempre in disastri piastrellati di buone intenzioni, mentre la logica matematica e’ assolutamente impotente in una materia determinata essenzialmente dall’azione umana, la cui logica consiste spesso proprio nel rompere ogni formalismo. Tutta la matematica che serve in economia e’ data dalle quattro operazioni, piu’ percentuali e proporzioni. Di per se’, la pretesa di poter calcolare il fabbisogno di moneta o il tasso di inflazione ideali per un corpo economico formato da decine di milioni di persone e’ una presunzione ingiustificabile.

Il fabbisogno di moneta in questo caso e’ costituito dai pagamenti che lo Stato deve compiere e viene soddisfatto con quelle modalita’, nelle proporzioni stabilite. Proprio la concorrenzialita’ della nuova moneta sovrana con la vecchia moneta a debito nei pagamenti statali assicura la continenza, in quanto uno sbracamento implicherebbe automaticamente l’aumento proporzionale del suo fabbisogno in Euro, che non possono essere emessi a piacimento. Si tenga presente che la moneta sovrana entra in circolo IN SOSTITUZIONE di quella a debito, nelle proporzioni stabilite, non in aggiunta ad essa. Pertanto non vi e’ alcun incremento della massa monetaria in circolazione.

Restano fuori i sussidi, aspetto importantissimo nell’attuale contesto, coperti interamente dalla moneta decrementale, il cui (piu’ che opportuno) aumento puo’ pero’ agevolmente essere tenuto in un alveo di tranquillita’ inflazionaria, essendo controbilanciato dalla percentuale annua di scomparsa monetaria (quella statutaria e quella dovuta al cambio).

Nello stesso ambito, quello della continenza, si colloca anche l’obbligo dell’aumento in proporzione percentuale delle riserve auree in caso di aumento annuale della moneta decrementale in circolazione nel sistema, in quanto tale aumento non puo’ essere pagato dalla moneta sovrana.

Vanno infatti ribadite due cose fondamentali. Una moneta sovrana internazionale e’ una contraddizione in termini; l’unica sovranita’ esistente si esplica esclusivamente a livello interno. E’ certamente auspicabile che ogni Stato in Europa si appropri finalmente della sovranita’ monetaria, in quanto e’ l’unico modo possibile per spezzare le catene del debito che le banche hanno progressivamente stretto intorno al collo dei popoli, ma e’ altrettanto pacifico che in ambito internazionale le transazioni rimangono possibili solo nella moneta internazionale, quella a debito o quella convertibile in specie. E’ il motivo per cui riterrei gravissimo il permettere la compravendita finanziaria alla moneta sovrana, quella deve restare riserva esclusiva della moneta a debito.

L’altra cosa che non va mai dimenticata e’ il fatto che lo Stato moderno puo’ tranquillamente monopolizzare la moneta come mero strumento di pagamento, ma quella e’ solo una delle qualita’ della Moneta. Quello che lo Stato moderno non potra’ mai compiere e’ il sostenere la solvibilita’ del sistema economico e finanziario sulla sua moneta, sia essa sovrana o a debito. Quella solvibilita’ rimarra’ in eterno prerogativa della Moneta scelta dal mercato in 5 millenni di storia, in quanto unico asset monetario prodotto tramite un processo economico e che non richiede l’obbligo di nessuno ad onorare l’impegno: l’Oro!

Pertanto, tutta l’autorita’ pubblica che serve nel nostro caso e’ un Ufficio informaticamente superaccessoriato, con qualche decina di persone capaci come staff ed un competente Supervisore responsabile, per controllare l’emissione e tenere la contabilita’. Anche i tassi di cambio, come da lui stabiliti, non abbisognano a mio avviso di alcun aggiustamento successivo.

Venendo poi al problema del fabbisogno statale in Euro, esso non e’ coperto solo dall’esportazione di beni e servizi e dalla spesa straniera sul nostro suolo. Va ricordato che la proposta prevede che un’adeguata percentuale di tasse (su un imponibile in imponente aumento) venga pagata in Euro, oltre ad un obbligo per le banche operanti in Italia di sottoscrizione obbligatoria di debito statale con agio limitato a loro favore. Un modo per imporre loro una funzione sociale che non hanno mai avuto.

E’ altresi’ utile tener presente che la moneta sovrana puo’ essere si’ spesa solo sul territorio nazionale, ma su tale territorio chiunque puo’ spenderla. Quindi, un’impresa o un’agenzia statale estera che ci venda qualcosa, potrebbe tranquillamente accettare pagamenti, in parte o in toto, in moneta sovrana, che puo’ essere utilizzata poi per acquistare merci da aziende italiane. In tal modo, il fabbisogno di Euro puo’ essere ulteriormente abbassato.

Tutto questo, considerato un fabbisogno interno ridotto di 2/3 ed un fabbisogno internazionale limitato sostanzialmente al servizio del debito in mani internazionali, in presenza di una solvibilita’ percio’ aumentata sostanzialmente, non dovrebbe porre alcun problema di finanziamento.

Sulla questione della fiscalita’ non e’ davvero il caso di soffermarsi, in quanto l’accordo con le sue proposte e’ sostanziale, ed include il fatto che potrebbero essere implementate a prescindere, gia’ domani mattina, se il Potere avesse davvero a cuore le sorti del Paese. Gia’ domani mattina, per esempio, si potrebbe legiferare la legalizzazione della prostituzione e delle droghe leggere, col risultato immediato di togliere molte decine di miliardi alle varie mafie ed incassare parecchi miliardi di tasse, oltre alla benemerita funzione sociale di proteggere la sacrosanta liberta’ di adulti consenzienti a fare quello che gli pare, purche’ non creino nocumento ad altri, e di aumentare esponenzialmente la sicurezza della comunita’.

Devo aggiungere pero’ che io sarei piu’ favorevole alla conservazione di un’imposta sui consumi (anche per evitare grane a livello europeo) con aliquota ridotta, piuttosto che introdurre un’imposta sulle transazioni monetarie. Sono inoltre assolutamente contrario alle aliquote progressive, e ritengo che il disposto costituzionale della “capacita’ contributiva” non le contempli necessariamente.

Venendo al nome della nostra moneta sovrana, devo constatare con rammarico che quello da me scelto sembra non piacere proprio a nessuno. Ma non e’ davvero un problema: per me possiamo chiamarla anche Rosalinda.

Infine, un piccolo inciso sui toni. Quelli sono usati per chi se li merita proprio tutti, avendo portato il Paese al disastro.

POSTILLA IV

Non c’e’ alcun bisogno di andare oltre il complotto di Rotschild. Controllare l’emissione della moneta significa controllare il mondo, ed e’ esattamente la situazione odierna. Il motivo sta tutto li’.

La moneta decrementale e’ garantita innanzitutto dalla sovranita’ dello Stato, che la dichiara mezzo di pagamento per ogni bene e servizio sul suo territorio. E non serve molto altro. Sono costretto a ricordare che anche l’attuale moneta a debito ha un valore solo perche’ possiede quella garanzia degli Stati. Se si basasse solo sul bilancio e la garanzia delle Banche emittenti non verrebbe accettata neppure dai mendicanti.

Garanzie suppletive sono le riserve della Banca centrale, che sono gia’ esistenti.

Pertanto, non vi sono Euro a garanzia. Sono gli Stati a garantire gli Euro, non viceversa, come ho appena ricordato.

Gli Euro rimangono solo come moneta concorrenziale nei pagamenti effettuati dallo Stato, nella proporzione stabilita, e servono appunto a contenerlo, ad evitare che abusi dell’emissione sovrana, in quanto in tal caso dovrebbe automaticamente aumentare anche la percentuale di Euro in pagamento, aumentando il suo fabbisogno di moneta a debito.

Ma se si mantiene nei limiti stabiliti, tale fabbisogno viene abbattuto di 2/3.

Vi e’ certamente una finalita’ redistributiva nell’emissione di moneta sovrana deperibile, ma e’ una redistribuzione gentile, graduale, mai traumaticamente coercitiva. Ed e’ controbilanciata ampiamente dalla prospettica liberazione da un sistema fiscale infame.

Invito ad una lettura piu’ attenta della proposta, nella sua completezza strutturale, postille comprese. Ogni obiezione formulata e’ gia’ stata affrontata/superata li’.

Per quanto riguarda la creazione di ricchezza, se non crea ricchezza un fabbisogno di debito o di saccheggio fiscale diminuito del 70%, tramite per giunta emissione di moneta che DEVE (gentilmente) essere spesa sul territorio nazionale, non so davvero cos’altro possa crearla.

A parte ovviamente un virus intelligente che sterminasse nottetempo l’intera classe politica attuale e i 2/3 di quella burocratica.

POSTILLA V

Ma quale gold standard? Non c’e’ alcuna convertibilita’, neanche parziale. Quella norma serve soltanto ad introdurre un minimo di responsabilita’ nell’emissione della moneta sovrana. Moneta che va a finire direttamente nelle tasche delle persone, entra subito in circolazione, ed ha un forte incentivo ad essere spesa. Pertanto, l’abuso si tradurrebbe immediatamente nella peggiore tassa che si possa immaginare per il ceto medio-basso: l’aumento dei prezzi.

La concorrenzialita’ con la moneta a debito e quella norma di salvaguardia nell’ambito delle riserve auree servono appunto ad evitare sbracamenti, sbracamenti che la lezione storica ha inequivocabilmente indicato come automatici se dai carta bianca al potere politico in materia. D’altra parte, i margini sono molto ampi, visto che tra cambio e deperibilita’ statutaria la massa monetaria sovrana scompare ad un ritmo superiore al 10% annuo. Basta un pochino d’attenzione e non si dovra’ andare a comprare niente. Vorrei anche sottolineare come imbarazzante accusare la proposta di sottrarre risorse al sistema economico, quando essa abbatte con effetto immediato i 2/3 del fabbisogno interno di debito e/o saccheggio fiscale dello Stato, solo perche’ magari va comprata eventualmente qualche tonnellata d’oro a fine anno (se proprio si e’ scialato!).

Per il resto, chiedo scusa, ma non sarebbe male un pizzico di attenzione e padronanza in piu’. Tornare alla Lira cambierebbe semplicemente la denominazione del debito che ti strangola e non comporta alcuna vera sovranita’; si cambia soltanto nome alla sovranita’ delle banche, che continueranno ad asfissiare il ceto produttivo, mentre il debito continuera’ ad aumentare perche’ il debito non puo’ essere pagato dal debito. Il debito puo’ solo sommarsi al debito, ed il suo servizio, anche con tassi bassissimi (che sono comunque riservati solo alle banche ed allo Stato, eventualmente, mai alle aziende ed alle famiglie), rappresenta una zavorra parassitaria insuperabile, un macigno permanente appeso al collo del sistema produttivo ed un richiamo ineludibile al saccheggio fiscale.

Nel sistema monetario contemporaneo il debito puo’ diminuire solo ripudiandolo, non si puo’ pagare. Lo puoi pagare a livello individuale, ma stai solo trasferendo l’obbligazione a qualcun altro, essa rimane comunque all’interno del sistema.

Non so piu’ come spiegarlo, eppure e’ semplice. Basta un po’ di logica ed un’occhiata alla pratica dell’ultimo secolo.

In ogni caso, il ritorno alla Lira comporterebbe una diminuzione immediata del nostro potere d’acquisto internazionale del 50-60%, un’impossibilita’ prolungata di finanziamento sui mercati a tassi accettabili, inflazione a doppia cifra, il monte risparmio completamente fatto a pezzi, il fallimento (di fatto) dei maggiori gruppi bancari ed assicurativi nazionali, un caos contabile, finanziario e giuridico per aziende e famiglie, un deficit spaventoso nell’interscambio commerciale, almeno per i primi anni. E potrei continuare!

Quelli che previdentemente hanno portato i soldi fuori e quelli che hanno entrate diversificate, multinazionali e mafia piu’ gli amici degli amici, per intenderci, verranno poi con calma a comprarsi le persone ed il Paese a prezzi di supersaldo.

Fate attenzione a quello che volete, potreste ottenerlo!

Copyright – Nessun diritto e’ riservato! Basta citare la fonte, poi potete farne quello che volete, tranne ricavarne profitto.