Archive for the ‘Discussioni sull’Ortodossia’ Category

GOOD MEN AND SPIRITUAL IDIOTS

January 20, 2018

Listening to this interview of Vladimir Putin, you can put definitely to rest the idea that Russia is developing a genuine Christian answer to an Antichristian world. Russia is on its way to become the umpteenth mere antithesis to the umpteenth thesis of worldly vanities, all of them doomed to be synthesized in the satanic blob which has ruled the world since the Fall.

First of all, Christianity was not invented by men. It has always been a God’s revelation, even in the times preceding the Incarnation of God the Word.

Second, the relics of Christian saints are preserved by the grace of the Holy Spirit , not by chemical mixtures.

Third, the Christian brotherhood has never resulted in the extermination of tens millions of other people. The Lord has never forced anyone.

Fourth, the Kingdom that the Christians hope for is not of this world. The Kingdom of God is not a formula to be applied forcefully to people, but the free choice of living a Christian life. Communism is the modern version of an ancient Christian heresy, chiliasm or millenarism: men pretending to build heaven on earth on their own. At first, it used to pay at least lip service to God, then it discarded Him altogether in the French and Russian variants of the Luciferian rebellion.

Christ has nothing to do with Belial!

Of course, an antithesis in Christian sauce is always preferable for a man starved in a spiritually empty or terminally sick world, where he must live. Yet, when they erect statues to the Soviet Patriarch; or mock the icons and relics of the saints; or join in the assembly of the heretics; or are drowned in some other way by the mermaids of this world; remember that you must be faithful to Christ and His Church, not to them.

And Jesus saith unto him, The foxes have holes, and the birds of the air have nests; but the Son of man hath not where to lay his head.

Advertisements

ABOUT THOSE STRANGE BEASTS: THE FEMINIST “CHRISTIANS”

January 20, 2018

The Patriarchate of Alexandria’s appointment of six “deaconesses” in the Congo in February 2017 has prompted calls in some corners for other local churches to follow suit. In particular, a group of Orthodox liturgical scholars has issued an open statement of support for Alexandria, declaring that the “restoration of the female diaconate is such that neither doctrinal issues nor authoritative precedents are at stake.”

We, the undersigned clergy and laity, beg to differ and are writing now with three purposes: to question what was accomplished in the Congo, to clarify the historical record on the place of deaconesses in Orthodox tradition, and to point out the serious doctrinal issues raised by the appointment of deaconesses.

………….                KEEP READING

We therefore entreat all Orthodox hierarchs, other clergy, and theologians to uphold the dogmatic teaching of the Church concerning the creation and calling of man as male and female by resisting the divisive call to appoint deaconesses.

Add your name to the statement on the AOIUSA website.

NOTA BENE – I have obviously signed the statement, but I find it far too mild in the fight against the most ravenous wolves ever defiling Christianity.

I call for the immediate excommunication of all those who have signed or support the declaration here denounced, and the urgent pastoral call on all the faithful to avoid any contact with them. DO NOT SHARE EVEN THE AIR IN A ROOM WITH THEM!

They are of the same league of these filthy blasphemers.

Again, to avoid another age of catacombs for the Church, it is absolutely necessary to shut down all the so-called “theological academies”, which have poisoned and are poisoning whole generations of priests, who in turn poison whole generations of Christians.

The only Academy in Christianity is the Monastery. Let the men willing to be clergy study there! Or let every teacher in those academies be an experienced monk or priest.

Just stop exposing future priests of the Most High to the teaching of men who are not even Christians. Christian is as Christian does!

THEOPHANY

January 18, 2018

 

 

THEOPHANY 1919

Protopriest Andrew Zimin, a dean from the village of Chernigovka, Muchnaya station, 190 versts from Vladivostok, was bestially murdered with his whole family in his own home. At Theophany 1919, Fr. Andrew served the all-night vigil, but when the bell sounded for the Liturgy in the morning he did not appear.

A band of about 10 to 12 Bolsheviks from the neighbouring villages had burst into his house and bound: Fr. Andrew, his wife Lydia Alexandrovna, his three daughters, aged between 11 and 13 (the eldest was called Maria), matushka’s mother, Domnica Petrovna Shmarova (74 years old) and a servant. They tortured them, demanded money, and raped the children and matushka in the eyes of all. They shot the daughters and matushka, but threw Fr. Andrew, bound, onto the floor, where they beat and tortured him, then pressed a door onto his stomach and chest.

They were all buried in a common grave beside the church where Fr. Andrew had served for twenty years. Not long before his death, Fr. Andrew wrote a letter to his relative and great friend, the professor of theology in the university of Vladivostok, Protopriest John Konoplev, asking him to open it only in the event of his death. In the letter Fr. Andrew described a dream of his that accurately and in detail depicted his future martyric death.                   (LINK)

THEOPHANY 1472

The PriestMartyr Isidor was priest of the Nikol’sk church in the city of Yur’ev (Derpto, at present Taru in Estonia).

According to the terms of a treaty concluded in 1463 between the Moscow Greatprince Ivan III and the Livonian knights, the latter were obligated to extend to the Orthodox at Derpto every protection. But the Livonian knights broke the treaty and began to try forcing the Orthodox into the Unia.

Presbyter Isidor bravely stood forth in defense of Orthodoxy. He preferred to accept a martyr’s crown rather than submit to the Catholics. Blessed Isidor together with 72 of his parishioners were drowned in the ice-hole, cut open on the feast of Theophany after the blessing of waters in the River Amovzha (or Emaiyga, now Emajogi).

In Spring, during a time of flooding, the undecayed bodies of the holy martyrs, and among them the fully-vested body of the PriestMartyr Isidor, were found by Russian merchants journeying along the River bank. They buried the saints around the Nikol’sk church.

GOD IS WITH US

January 7, 2018

“Therefore the Lord Himself shall give you a sign; Behold, a Virgin shall conceive, and bear a Son, and shall call his name Immanuel

“Take counsel together, and it shall come to naught; speak the word, and it shall not stand: for God is with us (Immanuel)”

“For unto us a child is born, unto us a son is given: and the government shall be upon his shoulder: and his name shall be called Wonderful, Counselor, The mighty God, The everlasting Father, The Prince of Peace”

“And there shall come forth a rod out of the stem of Jesse (the father of king David) and a Branch shall grow out of his roots: And the spirit of the Lord shall rest upon him, the spirit of wisdom and understanding, the spirit of knowledge and of the fear of the Lord”

“Behold My servant, whom I uphold; Mine elect, in whom my soul delighteth; I have put My spirit upon him: he shall bring forth judgment to the Gentiles. He shall not cry, nor lift up, nor cause His voice to be heard in the street… A bruised reed shall he not break, and the smoking flax shall he not quench”

“The Spirit of the Lord God is upon Me; because the Lord hath anointed Me to preach good tidings unto the meek;’ he hath sent Me to bind up the brokenhearted, to proclaim liberty to the captives, and the opening of the prison to them that are bound”

“And he said, It is a light thing that thou shouldest be My servant to raise up the tribes of Jacob, and to restore the preserved of Israel: I will also give Thee for a light to the Gentiles, that Thou mayest be My salvation unto the end of the earth”

THE HOLY PROPHET ISAIAH

Seventy weeks are determined upon thy people and upon thy holy city, to finish the transgression, and to make an end of sins, and to make reconciliation for iniquity, and to bring in everlasting righteousness, and to seal up the vision and prophecy, and to anoint the most Holy. Know therefore and understand, that from the going forth of the commandment to restore and to build Jerusalem unto the Messiah the Prince shall be seven weeks, and threescore and two weeks: the street shall be built again, and the wall, even in troublous times.

C H R I S T     I S     B O R N  !         G L O R I F Y     H I M  !

Nativity

“To day if ye will hear his voice, Harden not your heart, as in the provocation, and as in the day of temptation in the wilderness

Let us labour therefore to enter into that rest, lest any man fall after the same example of unbelief. For the word of God is quick, and powerful, and sharper than any twoedged sword, piercing even to the dividing asunder of soul and spirit, and of the joints and marrow, and is a discerner of the thoughts and intents of the heart. Neither is there any creature that is not manifest in his sight: but all things are naked and opened unto the eyes of him to whom we have to give account.

In truth God as a man was born on earth! Why? That we might live through him (1 John 4:9).

UNA REGOLA DI PREGHIERA

January 1, 2018

Signore Gesu’ Cristo, Figlio di Dio, abbi misericordia di me, un peccatore.

Per le preghiere e le intercessioni della Tua santissima Madre, di tutti i santi ed i martiri che oggi commemoriamo, e di tutti i Tuoi santi e martiri, di ogni tempo e di ogni luogo; per le preghiere e le intercessioni dei nostri santi protettori, dei nostri santi angeli custodi e di tutte le sante gerarchie celesti, Signore ti prego, abbi misericordia di noi.

Abbi misericordia di me, Signore, che la mia miseria e’ grande, ed abbi misericordia dei miei figli e di mia moglie. Veglia su di noi, Signore, accompagnaci e proteggici ogni giorno della nostra vita, soprattutto i miei figli e mia moglie, quando camminano da soli per il mondo. Liberaci da ogni male, guariscici, Ti prego, da tutti i mali presenti che ci affliggono, fisici e spirituali, e preservaci da ogni male in futuro. E proteggici, Signore, proteggi noi e la nostra casa, e tutto cio’ che essa contiene, e tutte le nostre vite e tutte le nostre cose, e tutti quelli che ci sono vicini, e tutte le nostre opere ed i nostri pensieri, da ogni demone che ci insidi, da ogni servitore dell’antica ed oscura menzogna che voglia nuocerci. Disperdi i tuoi nemici, Signore, e proteggi i Tuoi servi, per quanto indegni e miserabili essi siano, come me.

Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi misericordia di noi. Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi misericordia di noi. Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi misericordia di noi. Sia gloria al Padre ed al Figlio ed allo Spirito Santo, come in principio cosi’ oggi e sempre, nei secoli dei secoli. Amen. Santo Immortale, abbi misericordia di noi. Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi misericordia di noi.

Abbi misericordia di noi, Signore Ti prego, soccorrici anche oggi, e sempre, nelle trame implacabili del nemico. Liberaci dal maligno, o Signore, guardaci dal suo orgoglio e dalla sua invidia, dalla sua rabbia e dalla sua gelosia, dalla sua vanita’ e dalla sua malizia, dalla sua avidita’ e dalla sua ingiustizia, dalle sue menzogne e dalle sue lusinghe, dal suo inganno, che domina interamente questo mondo. Sventa ogni sua trama che ci riguardi, o Signore, e liberaci, Ti prego, liberami da tutte le ansie e le paure con le quali egli ci assale, mi assale, ogni giorno, ogni ora, ogni minuto, in ogni occasione. Liberami o Signore, Ti prego, liberaci da tutti i suoi pensieri.

Abbi misericordia di noi, Signore, santifica la nostra mente, purifica il nostro cuore, illumina la semplicita’ dei nostri sensi. Purificaci o Signore da ogni iniquita’, custodiscici nella Tua fede e nella Tua Chiesa, non giudicarci indegni del Tuo amore e della Tua misericordia. Abbi misericordia di noi peccatori, Figlio di Dio, adesso e nell’ora in cui moriremo; e dopo Signore, quando nessuno piu’ si ricordera’ di noi, quando nessuno piu’ pronuncera’ il nostro nome, quando nessuno piu’ preghera’ per noi, Signore, Tu ricordati di noi, che ogni giorno abbiamo invocato il Tuo Santissimo nome e la Tua misericordia. Amen! Amen! Amen!

Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il Tuo nome, venga il Tuo regno, e sia fatta la Tua volonta’, come in cielo cosi’ anche in terra. Dacci ogni giorno il pane di cui abbiamo bisogno, e perdonaci i nostri peccati, come noi perdoneremo chi ci ha offeso. E non ci abbandonare nelle tentazioni, ma liberaci dal maligno; Padre, salvaci dalle sue opere e dai suoi pensieri e dai suoi pupazzi, da tutti coloro che lo servono consciamente o inconsciamente; Padre, salvaci da noi stessi. Poiche’ Tuo e’ il regno, Tua e’ la potenza, e solo Tua e’ la gloria, ogni gloria, del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, come in principio, cosi’ oggi e sempre, nei secoli dei secoli. Amen!

Spirito Santissimo di Dio, Spirito di Verita’, Spirito che consola, Tu che sei Dio e dai la vita, Tu che riempi ogni cosa e ne permetti l’esistenza, Ti prego, non guardare alla mia indegnita’, ma vieni e dimora in me, donami una goccia della Tua pace. Curami e purificami, dammi un cuore nuovo, col quale potermi accostare finalmente degno a Gesu’ Cristo, mio Signore e mio Dio, alla Sua santa Chiesa ed ai Suoi Santissimi Misteri, al Suo Santissimo Corpo e Preziosissimo Sangue, per la remissione dei miei peccati, che sono tanti, ed ancor di piu’, e per la vita eterna, non per mangiare e bere della mia condanna. Abbi misericordia di me, o Signore, abbi misericordia di noi. Signore della Vita, Tu che sei Dio e dai la vita, Ti prego ascolta la mia supplica: non abbandonarci alla corruzione, O Signore, ma ristora la pienezza della Tua Vita in noi. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen!

Santissima Madre di Dio, ricordati di noi nelle tue preghiere. Concedici le tue preghiere, Madre Purissima, a protezione contro il nemico, ed accordaci la tua potente intercessione presso il tuo Santissimo Figlio. Prega ed intercedi per noi, Madre Santissima, e oggi e domani e sempre, e soprattutto nell’ora in cui moriremo; vieni allora in nostro soccorso, Madre Santissima, abbi pieta’ di noi, nel momento del nostro maggior terrore, e riscattaci dalla nostra vergogna, Tu che sei la nostra sola speranza, di poter ottenere misericordia dal nostro Signore. Poiche’ e’ davvero degno cantare le tue lodi, o Santissima Theotokos, sempre benedetta e tutta pura Madre del nostro Dio, piu’ insigne dei Cherubini, senza paragone piu’ gloriosa dei Serafini, che in verginita’ facesti nascere la Parola di Dio; vera Madre di Dio, noi ti magnifichiamo. Amen!

Mio santo Angelo custode, di cui non conosco il nome, continua ti prego a guidarmi e custodirmi nelle vie e nei comandamenti di nostro Signore Gesu’ Cristo. Amen!

Per le loro preghiere, Signore, abbi misericordia di noi, e benedici, noi e questo giorno ed il nostro cammino in questo giorno, ed ogni cosa che faremo in questo giorno ed in ogni altro giorno che ancora ci hai concesso in questo mondo. Amen! Amen! Amen!

Per i vivi e per i morti, Signore Ti prego, abbi misericordia. Per tutti coloro che furono, sono, e saranno ingannati, Signore Ti prego, abbi misericordia. Per tutti quelli trascinati a fondo dai lacci di questo mondo, Signore Ti prego, abbi misericordia.

Ricordati ed abbi misericordia, o Signore, di mio padre e di mia madre, dei loro padri e delle loro madri, e dei padri dei loro padri e delle madri delle loro madri, dei loro fratelli e delle loro sorelle, e di tutti i morti nella mia famiglia e di tutti quelli morti nella famiglia di mia moglie. Ricordati ed abbi misericordia, o Signore, di tutti quelli che son morti lontano dalla Tua Grazia e al di fuori della Tua Chiesa, intrappolati fino alla fine nell’inganno che domina interamente questo mondo; quello stesso inganno che Ti inchiodo’ alla Tua Croce, o Signore, e che oggi nuovamente ben Ti nasconde grazie alla nostra apostasia. Signore di ogni misericordia, Tu chiedesti misericordia per chi Ti mise in croce, ricordati anche di loro che non hanno avuto ne’ la Legge ne’ i Profeti, nel Tuo buon piacere e nella Tua assoluta sovranita’, ed abbi misericordia. Ricordati ed abbi misericordia, o Signore, di tutti quelli che son morti e per i quali nessuno prega. Amen! Amen! Amen!

Ed abbi misericordia, o Signore, di quelli che stanno morendo, annegando nell’iniquita’ di questo mondo. Abbi misericordia di quelli che discernono l’inganno, grazie al Tuo buon piacere, Signore, e nient’altro, ma che nella misura infinita della loro miseria e debolezza non riescono a far nulla per liberarsene. Ed abbi misericordia di quelli che non capiscono, Signore, che hanno occhi e non vedono, che hanno orecchie e non sentono, e non vogliono vedere, e non vogliono sentire, come bambini spauriti. O Signore, che possano credere, ed in penitenza volgersi finalmente a Te, che sei l’unica speranza e l’unica salvezza.

Abbi misericordia dei miei fratelli e di mia sorella, e dei loro figli e delle loro figlie, e di tutti coloro che vivono, nella mia famiglia ed in quella di mia moglie, e nel mondo intero, o Signore. Abbi misericordia di noi peccatori, Figlio di Dio, adesso e nell’ora in cui moriremo. Amen! Amen! Amen!

Per le preghiere di san Castrese, di cui indegnamente porto il nome, Signore abbi misericordia di me, che sono un peccatore e la mia miseria e’ grande. Per le preghiere di san Nicola il Taumaturgo, Signore perdona la mia miseria, guariscimi dalla mia miseria.

Per le preghiere del santo martire Giovanni, arcivescovo di Riga, e le intercessioni della Tua santissima Madre, venerata manifesta nell’icona di Jakobshtadt, Signore abbi misericordia della terra dei Lettoni, dei popoli che la abitano e dei loro figli. Non permettere che il maligno prenda completamente il sopravvento qui, tramite i suoi pupazzi ed i loro piani di sterminio materiale e spirituale; non permettere che venga sparso sangue fratricida; non permettere che vengano dissacrate le nostre strade e corrotti i nostri figli, ma secca e distruggi la generazione di coloro che in questa terra servono la tenebra.

Per le preghiere del santo Cesare martire Nicola, Signore, dei santi martiri imperiali e di tutti i nuovi martiri e confessori della santa Rus’, abbi misericordia delle terre russe e dei popoli che vi abitano, che ancora vengono governati nella menzogna del secolo. Abbi misericordia del tuo popolo nella Rus’ o Signore, dentro i suoi confini e fuori dei suoi confini, custodiscilo nella Tua fede e tienilo al sicuro dai lupi che son lupi, e da quelli travestiti da pecore e da pastori di pecore. Abbi misericordia del Tuo popolo ovunque nel mondo o Signore, soprattutto dove e’ perseguitato ed ucciso per amor Tuo.

Per le preghiere e le intercessioni di san Massimo il Confessore e di san Marco di Efeso, Signore, porta alacremente il Tuo giudizio sui tuoi nemici nella Chiesa, confondili e disperdili nell’oscurita’ esterna, che le loro trame e la loro arroganza non insozzino piu’ i Sacri Ordini e le gerarchie della Tua Chiesa; che le loro brame idolatre ed eretiche cessino di fuorviare i Tuoi piccoli, o Signore.

Per le preghiere di san Costantino il Grande, o Signore, il primo Imperatore Cristiano, secca e distruggi la generazione dei senza Dio che hanno usurpato il potere sugli uomini e lo esercitano in aperta teomachia, opprimendo e plasmando le creature che facesti a Tua immagine secondo l’immagine della Bestia, che essi servono e dichiarano di servire. Secca e distruggi la loro generazione, o Signore, compatisci la miseria e la debolezza del Tuo popolo, e degnati di restituirci l’Imperatore Cristiano.

Per le preghiere di santa Matrona di Mosca, o Signore, se e’ oggi il giorno in cui mi chiamerai a giudizio, abbi misericordia di me; giudicami solo in misericordia, Signore Ti prego, che al di fuori della Tua misericordia io non ho alcuna speranza: tutto cio’ che e’ giusto e santo, o Signore, pronuncia la mia condanna; Ti prego, abbi misericordia di me.

Per le sublimi ed ineffabili preghiere della Tua santissima Madre, o Signore, per la potente intercessione della piu’ gloriosa delle creature, di Colei che Ti diede il Corpo ed il Sangue che Tu hai santificato e glorificato, riscattando tutta la carne dalla corruzione, e dei quali noi indegnamente ci nutriamo, Signore concedimi la baldanza nel giorno malvagio di poter affermare che sono Tuo servo, che possano essere zittiti il nemico e le sue orde, tutte le immense schiere dell’avversario, che io possa udire, protetto nel loro abbraccio, i Tuoi Angeli dir loro che solo di fronte al suo padrone un servo sta o cade, e solo di fronte a Te, o Signore, io staro’ o cadro’. Abbi misericordia di me, Figlio di Dio.

Amen! Amen! Amen!

Poiche’ CREDO in un solo Dio, il Padre Onnipotente, Creatore dei cieli e della terra, e di tutte le cose, visibili ed invisibili.

Ed in un solo Signore, Gesu’ Cristo, unigenito Figlio di Dio, nato dal Padre prima di tutti i secoli. Luce da Luce, Dio vero da Dio vero, generato, non creato, della stessa sostanza del Padre, per mezzo del quale tutte le cose furono create. Per noi uomini, per la nostra salvezza, discese dal Cielo e si e’ incarnato per lo Spirito Santo e dalla vergine Maria, e si e’ fatto Uomo. Fu crocifisso per noi sotto Ponzio Pilato, soffri’ e fu sepolto; ed il terzo giorno e’ resuscitato, secondo le Scritture, e’ asceso al Cielo e siede alla destra del Padre; ed ancora verra’, stavolta in gloria, per giudicare i vivi ed i morti, ed il Suo Regno non avra’ fine.

E nello Spirito Santo, il Signore, che da’ la vita, che procede dal Padre, e con il Padre ed il Figlio e’ adorato e glorificato, e ha parlato per mezzo dei profeti.

E nella Chiesa, Una, Santa, Cattolica ed Apostolica.

Confesso un solo battesimo, per la remissione dei peccati.

Attendo la resurrezione dei morti, e la vita del mondo che verra’.

Amen! Amen! Amen!

PREGHIERA   DI   RINGRAZIAMENTO

Che Tu sia benedetto, o Signore, per ogni cosa, per tutto quello che mi hai dato e mi dai, che ci hai dato e ci dai, senza alcun merito da parte mia o nostra. Per il cibo che sto per ricevere, e che ogni giorno riceviamo, per la nostra casa e la nostra famiglia, per questo giorno meraviglioso come ogni altro che ci hai regalato, per tutta la bellezza che hai creato e ci hai donato, per la grande misericordia che mi hai dimostrato, e continui a mostrare al miserabile peccatore che sono; per le terribili sofferenze che hai patito per amor nostro, o Signore, volontariamente, Tu che sei Dio, e solo per restituirci una speranza di salvezza.

Per tutto questo, o Signore, e per ogni altra cosa, sia gloria a Te, mio Dio, sia gloria a Te per ogni cosa. Amen!

PREGHIERA   DI   SOCCORSO

 

NEW MARTYR HARITON OF KOSOVO AND METOHIJA

December 30, 2017

May we join together in the prayer that the Lord will glorify Fr. Hariton in the earthly Church as He has in the Heavenly. May his as­cetic sacrifice and martyr’s blood truly be the seed of the new Chris­tians. And may all who receive inspiration from his example of quiet service and martyric suffering walk with even more devotion on the path of our God-bearing and holy ancestors, who suffered “for the Honorable Cross and Golden Freedom”.

Together with them, in the unity of the Church militant and the Church triumphant, we whole­hearted cry out: Holy Father Hariton, pray to God for us!

HOLY NEW MARTYR JOSEPH, METROPOLITAN OF PETROGRAD

December 28, 2017

For his prayers, o Lord, have mercy on Your people in the Rus’, inside and outside its borders, and deliver them from the wolves that are wolves and those disguised as sheep and shepherds of sheep. Amin!

Risultati immagini per Metropolitan Joseph of Petrograd

I love my enemies, o Lord, I love them so much that I don’t remember to have any; but Your enemies, o Lord, I hate them with a perfect hatred.

LETTERA APOSTOLICA DI SAN GIUDA

December 21, 2017

Giuda, il servo di Gesu’ Cristo, e fratello di Giacomo, a coloro che sono santificati da Dio Padre, e preservati in Gesu’ Cristo, ed eletti: a voi misericordia, e pace, ed amore, siano moltiplicati.

Diletti, quando io misi ogni diligenza nello scrivervi della comune salvezza, fu necessario per me scrivervi , ed esortarvi che dovreste contendere ardentemente per la fede che fu consegnata ai santi una volta per tutte. Poiche’ ci sono certi uomini che sono strisciati dentro inosservati, che da antico tempo furono destinati per questa condanna, uomini empi, che trasformano la grazia di Dio in licenziosita’, e negano l’unico Signore Dio, ed il nostro Signore Gesu’ Cristo.

Io vi spingero’ pertanto a ricordare, sebbene voi una volta lo sapevate, come il Signore, avendo salvato il popolo dalla terra di Egitto, dopo distrusse quelli che non credettero. E gli angeli che non mantennero i loro domini iniziali, ma lasciarono i loro propri feudi, Egli li ha riservati in catene eterne nella tenebra per il giudizio del gran giorno.

Proprio come Sodoma e Gomorra, e le citta’ loro intorno nella stessa maniera, abbandonadosi alla fornicazione, e andando dietro a strane voglie, sono esposte come esempio, soffrendo la vendetta del fuoco eterno. Nello stesso modo anche questi turpi sognatori insozzano la carne, disprezzano l’autorita’, e parlano male di cio’ che e’ degno.

Eppure Michele l’arcangelo, quando in contesa con il diavolo egli disputava per il corpo di Mose’, non si azzardo’ a portargli contro una veemente accusa, ma disse, Il Signore ti biasima. Ma costoro parlano male di quelle cose che non conoscono: e quello che sanno per natura, come bestie selvagge, in quelle cose si corrompono.

Guai a loro! Poiche’ essi sono andati per la strada di Caino, e sono corsi avidamente dietro l’errore di Balaam per un compenso, e sono periti nella ribellione di Korah.

Costoro sono macchie nelle vostre feste di carita’, quando essi celebrano con voi, sfamandosi senza paura: nuvole senz’acqua essi sono, portate in giro dal vento; alberi i cui frutti son seccati, senza frutto, morti due volte, divelti dalle radici. Furiose onde marine, schiumando la loro stessa vergogna; stelle vagabonde, alle quali e’ riservata l’oscurita’ della tenebra per sempre.

Ed anche Enoch, il settimo da Adamo, profetizzo’ di questi, dicendo, Ecco, il Signore viene con diecimila dei Suoi santi, per eseguire il giudizio su tutti, e per condannare tutti gli empi fra loro per le loro empie opere ch’essi hanno empiamente commesso, e per tutti i loro discorsi ingrati che empi peccatori hanno parlato contro di Lui.

Costoro sono mormorii, piagnistei, che vanno dietro alle loro voglie; e la loro bocca parla grandi parole rigonfie, avendo le persone degli uomini in ammirazione in vista del loro profitto.

Ma, diletti, ricordate le parole che furono parlate in precedenza dagli apostoli del nostro Signore Gesu’ Cristo; come essi vi dissero che vi sarebbero stati beffeggiatori negli ultimi tempi, che avrebbero camminato dietro le loro empie brame. Costoro sono coloro che si separano, asserviti ai sensi, non avendo lo Spirito.

Ma voi, diletti, costruite voi stessi sulla vostra santissima fede, pregando lo Spirito Santo, e mantenetevi nell’amore di Dio, invocando la misericordia di nostro Signore Gesu’ Cristo per la vita eterna.

E di alcuni abbiate compassione, facendo una distinzione: ed altri salvate con paura, tirandoli fuori dal fuoco; odiando perfino l’indumento contaminato dalla carne.

Ora a Colui che e’ capace di mantenervi dal cadere, e di presentarvi senza colpa alla presenza della Sua gloria con gioia infinita, a Dio nostro Salvatore che solo e’ sapiente, sia gloria e maesta’, dominio e potenza, sia oggi che sempre. Amen.

LUX OCCIDENTALIS

December 15, 2017

The Divine Liturgy of St. Peter.

The Triumph of Orthodoxy in Spain and the (much slandered) Council of Toledo.

For one thousand years the light of the Sun of Righteousness shone forth from the East on the lands of the West forming a Cross over Europe, before they fell beneath the darkening shades of the Churchless night. Let us now return to the roots of our first confession of the Holy Spirit in the bright Sunrise of Orthodoxy, which is brought again from the East, and so shine forth the light of the Everlasting Christ once more.

O all the saints of the Western Lands, pray to God for our repentance and return, our restoration and resurrection. Tell the people to leave aside the things of men, the fallen fleshly mind and all its vain musings, for they are without the Saviour and the Spirit. And so, through your life in the Holy Trinity, shall we find salvation in the purity of the Orthodox Faith before the end.

Now do we sing to all the saints of the lands of the West and at their head the apostles Peter and Paul, the true glory of Old Rome, and, like stars in the dark night sky, to the constellation of the martyrs and fathers who followed in their apostolic footsteps, leaving behind them the great treasury of holy relics. O First Rome, who art glorious in thy saints alone, do thou return to the eternal faith of Orthodoxy through the Holy Spirit Who proceeds from the Father, as the Saviour tells us.

O all ye holy women, martyrs, matrons and queens, from Old Rome to Sicily of the south, from Sardinia to Iberia, from Gaul to the islands of Britain, from the Celtic realms to the Germanic lands of the north, preferring the humble truth of the Galilean to the proud might of paganism, ye have brought the words of Christ to dumb men, raising up infants and kings to the measure of the stature of Christ, so hallowing your peoples and our souls by the light of the Holy Trinity.

O constellation of all the saints of the Western lands, who shine forth in the night sky, together we gather in your name, in praise to ask you to intercede for us with your prayers. Bring back the Western peoples from the inglorious darkness of their unwisdom to the Wisdom of God, that they may cast aside all the illusions of the fallen reason and know again that the only true glory and enlightenment is in the acquisition of the Holy Spirit.

From the Service to All the Saints of the Western Lands

LETTERA APOSTOLICA DI SAN GIACOMO, IL FRATELLO DEL SIGNORE

December 14, 2017

Giacomo, un servo di Dio e del Signore Gesu’ Cristo, alle dodici tribu’ che sono sparse per il mondo, salute.

Miei confratelli, consideratelo interamente gioia quando cadete in varie tentazioni; sapendo questo, che la messa alla prova della vostra fede produce pazienza. Ma lasciate che la pazienza completi la sua opera di perfezione, che voi possiate essere perfetti ed interi, mancanti in nulla.

Se qualcuno di voi manca di saggezza, che egli la chieda da Dio, che da’ a tutti gli uomini generosamente, e non rinfaccia; ed essa gli sara’ data. Ma che egli la chieda con fede, senza tentennamenti. Poiche’ chi esita e’ come un’onda del mare in balia del vento ed agitata. Che quell’uomo non pensi che ricevera’ qualcosa dal Signore. Un uomo duplice e’ instabile in ogni sua cosa.

Lasciate che il fratello di basso livello gioisca in quello che lo esalta; ma il ricco, in quello che lo umilia: perche’ come i fiori di campo egli perira’. Poiche’ il sole e’ appena sorto con un calore ardente, ma gia’ secca l’erba, ed i suoi fiori cadono, e la grazia delle loro forme scompare: cosi’ anche l’uomo ricco svanira’ nelle sue cose.

Benedetto e’ l’uomo che sopporta la tentazione: poiche’ quando egli e’ messo alla prova, lui ricevera’ la corona della vita, che il Signore ha promesso a coloro che Lo amano. Che nessun uomo dica quando egli viene tentato, sono tentato da Dio: poiche’ Dio non puo’ essere tentato dal male, ne’ Egli tenta alcun uomo; ma ogni uomo viene tentato, quando egli e’ trascinato via dalle proprie brame, e sedotto. Allora quando la brama ha concepito, essa genera il peccato: ed il peccato, quando e’ consumato, porta la morte.

Non cadete in errore, miei amati confratelli.

Ogni dono buono ed ogni perfetto dono viene dall’Alto, ed e’ elargito dal Padre di ogni luce, con il quale non vi’ e’ volubilita’, neppure un’ombra di ripensamento. Di sua propria volonta’ Egli ci genero’ con la parola di verita’, che noi potessimo essere una specie di primizia delle Sue creature.

Per questo, miei amati confratelli, che ogni uomo sia pronto ad ascoltare, lento a parlare, lento all’ira; poiche’ l’ira dell’uomo non produce la giustizia di Dio.

Pertanto mettete da parte tutto il sudiciume e la superficialita’ della disobbedienza, e ricevete con mansuetudine la parola impiantata, che e’ capace di salvare le vostre anime. Ma siate operatori della parola, e non solo ascoltatori, ingannando voi stessi. Poiche’ se qualcuno ascolta la parola, e non la mette in pratica, egli e’ come un uomo che contempla il suo genuino volto in un vetro; poiche’ egli si vede, e va per la sua strada, ed immediatamente dimentica che tipo d’uomo egli fosse. Ma chi si guardi nella legge perfetta di liberta’, e continua in essa, essendo egli non un ascoltatore dimentico, ma un facitore dell’opera, quest’uomo sara’ benedetto nelle sue azioni.

Se qualcuno tra voi appare devoto, e non tiene a freno la sua lingua, ma inganna il suo proprio cuore, la devozione di quest’uomo e’ vana. La devozione pura e senza macchia di fronte a Dio ed al Padre e’ questa, visitare gli orfani e le vedove nelle loro afflizioni, e mantenersi incontaminati dal mondo.

Miei confratelli, non abbiate la fede di nostro Signore Gesu’ Cristo, il Signore della gloria, a seconda delle persone. Poiche’ se nella vostra assemblea viene un uomo con anelli d’oro, in abiti raffinati, e viene anche un pover’uomo in umili vesti, e voi avete rispetto per colui che indossa gli abiti sgargianti, e gli dite, Siedi qui tu in un buon posto, e dite al povero, Stai li’ tu, oppure siedi qui sotto il mio sgabello: non avete voi parzialita’ in voi stessi, e siete diventati giudici in cattivi pensieri?

Ascoltate, miei diletti confratelli, non ha Dio scelto i poveri di questo mondo ricchi in fede, ed eredi del regno ch’Egli ha promesso a coloro che lo amano? Ma voi avete disprezzato il povero. Non sono gli uomini ricchi ad opprimervi, che vi trascinano in giudizio? Non bestemmiano loro il degno nome col quale siete stati chiamati?

Se voi soddisfate la legge reale secondo la Scrittura, Tu amerai il prossimo tuo come te stesso, voi fate bene; ma se avete rispetto a seconda delle persone, voi commettete peccato, e siete giudicati dalla legge come trasgressori. Poiche’ chiunque osservi l’intera legge, eppure la infrange in un solo punto, egli e’ colpevole di tutto. Poiche’ Colui che disse, Non commettere adulterio, disse anche, Non uccidere. Ora se tu non commetti adulterio, eppure uccidi, tu sei diventato un trasgressore della legge.

Come parlate, cosi’ fate, come coloro che saranno giudicati dalla legge di liberta’. Poiche’ avra’ un giudizio senza misericordia, colui che non ha mostrato misericordia; e la misericordia trionfa contro il giudizio.

A cosa gli serve, miei confratelli, sebbene un uomo dica di aver fede, e non ha le opere? Puo’ la fede salvarlo? Se un fratello o una sorella non ha di che coprirsi, e non ha di che cibarsi, e uno di voi dice loro, Andate in pace, siate al caldo e saziati; tuttavia non gli date quelle cose di cui il corpo ha bisogno; a cosa serve?

Proprio cosi’ la fede, se non compie le opere, e’ morta, essendo da sola.

Certo, un uomo puo’ dire, Tu hai fede, ed io ho le opere: mostrami la tua fede senza le tue opere, ed io ti mostrero’ la mia fede con le mie opere.

Tu credi che c’e’ un solo Dio; fai bene: anche i demoni lo credono, e tremano.

Ma vuoi sapere, o uomo vano, che la fede senza le opere e’ morta?

Non fu nostro padre Abramo giustificato dalle opere, quando egli ebbe offerto Isacco sull’altare? Vedi come la fede fu fusa con le sue opere, e dalle opere la fede fu resa perfetta? E fu adempiuta la Scrittura che dice, Abramo credette in Dio, e cio’ gli fu imputato come giustizia: ed egli fu chiamato l’amico di Dio.

Vedete allora come un uomo e’ giustificato dalle opere, e non dalla sola fede.

Nello stesso modo non fu Rahab la prostituta giustificata dalle opere, quando ella ebbe ricevuto i messaggeri, e li ebbe mandati fuori per un’altra strada?

Poiche’ come il corpo e’ morto senza lo spirito, cosi’ la fede e’ morta senza le opere.

Confratelli miei, non vi siano molti maestri, sapendo che noi riceveremo la condanna maggiore. Poiche’ in molte cose noi offendiamo tutti. Se un uomo non offende con la parola, costui e’ un uomo perfetto, e capace anche di tenere a freno l’intero corpo.

Vedete, noi mettiamo morsi nelle bocche dei cavalli, in modo che possano obbedirci; e controlliamo tutto il loro corpo. Guardate anche le navi, che sebbene siano tanto grandi, e spinte da fieri venti, eppure sono guidate da un timone molto piccolo, ovunque il pilota desideri. Proprio cosi’ la lingua e’ un piccolo membro, e vanta grandi cose. Guardate, che enorme quantita’ di materia incendia un piccolo fuoco! E la lingua e’ un fuoco, un mondo di iniquita’: cosi’ e’ la lingua tra le nostre membra, che essa profana l’intero corpo, ed incendia il corso della natura; ed e’ incendiata dall’inferno.

Poiche’ ogni tipo di bestia, e di uccelli, e di serpenti, e delle cose del mare, e’ addomesticata, ed e’ stata addomesticata dall’uomo; ma nessun uomo riesce ad addomesticare la lingua; essa e’ un male sfrenato, pieno di veleno mortale. Con essa noi benediciamo Dio, proprio il Padre, e con essa malediciamo gli uomini, che son fatti nella somiglianza di Dio. Fuori dalla stessa bocca procedono benedizioni e maledizioni. Confratelli miei, queste cose non dovrebbero essere cosi’.

Puo’ da una fonte sgorgare nello stesso posto acqua dolce e amara? Puo’ un albero di fico, miei confratelli, produrre olive? O  una vite, dei fichi? Cosi’ una fonte non puo’ fornire acqua salata e fresca.

Chi tra voi e’ un uomo saggio e dotato di conoscenza? Che egli mostri da una buona condotta le sue opere con la mansuetudine della saggezza. Ma se voi avete amara invidia e contesa nei vostri cuori, non vi gloriate, e non mentite contro la verita’. Questa sapienza non discende dall’Alto, ma e’ terrena, sensoria, diabolica. Poiche’ dove vi e’ contesa ed invidia, li’ vi e’ confusione ed ogni cattiva opera. Ma la saggenza che e’ dall’Alto e’ innanzitutto pura, poi tranquilla, gentile, e facile da trattare, piena di misericordia e buoni frutti, senza parzialita’, e senza ipocrisia. Ed il frutto della giustizia e’ seminato in pace da coloro che operano in pace.

Da dove vengono i conflitti e le lotte tra di voi? Non vengono da qui, proprio dalle vostre brame che guerreggiano nelle vostre membra? Voi bramate, e non avete: voi uccidete, e desiderate di avere, e non potete ottenere: voi lottate e fate guerra, eppure non avete, perche’ voi non chiedete. Voi chiedete, e non ricevete, perche’ chiedete male, che possiate consumarlo nei vostri piaceri.

Voi adulteri e adultere, non sapete che l’amicizia del mondo e’ ostilita’ con Dio? Chiunque quindi sia amico del mondo e’ il nemico di Dio. Pensate che la Scrittura dica invano, Lo spirito che dimora in noi brama nell’invidia? Ma Egli da’ piu’ grazia. Per questo Egli dice, Dio si oppone all’orgoglioso, ma da’ grazia all’umile. Sottomettetevi dunque a Dio. Resistete al diavolo, ed egli fuggira’ da voi. Avvicinatevi a Dio, ed Egli si avvicinera’ a voi. Mondate le voste mani, voi peccatori; e purificate i vostri cuori, voi dalla mente doppia. Siate afflitti, con lamenti e pianti: che la vostra risata sia mutata in lutto, e la vostra gioia in tristezza. Umiliatevi al cospetto del Signore, ed Egli vi rialzera’.

Non parlate male l’uno dell’altro, confratelli. Colui che parla male del suo fratello, e giudica il suo fratello, parla male della legge, e giudica la legge: ma se tu giudichi la legge, non sei un facitore della legge, ma uno che la condanna. Vi e’ Uno solo che legifera, che e’ capace di salvare e distruggere: chi sei tu che condanni un altro?

Vai ora, tu che dici, Oggi o domani andremo in quella tale citta’, e vi staremo un anno, e compreremo e venderemo, ed avremo profitto; laddove tu non sai cosa sara’ nel domani. Poiche’ cos’e’ la tua vita? Essa e’ proprio un vapore, che appare per un po’ di tempo, e poi svanisce. Per questo tu dovresti dire, Se il Signore vuole, noi vivremo, e faremo questo, o quello. Mentre ora tu gioisci nel tuo vanto: tutto questo gioire e’ male. Pertanto a colui che sa come far bene, e non lo fa, a lui cio’ e’ peccato.

Andate ora, voi uomini ricchi, piangete ed ululate per le vostre miserie che verranno su di voi. Le vostre ricchezze sono corrotte, ed i vostri addobbi sono rosi dai tarli. Il vostro oro ed argento sono infettati; e la loro ruggine testimoniera’ contro di voi, e divorera’ la vostra carne come se fosse fuoco. Voi avete accumulato un tesoro per gli ultimi giorni.

Ecco, il salario dei lavoratori che hanno mietuto i vostri campi, che e’ da voi trattenuto con la frode, urla: e le urla di coloro che hanno mietuto sono arrivate all’orecchio del Signore degli eserciti. Voi avete vissuto nei piaceri sopra la terra, e siete stati lascivi; avete ingrassato i vostri cuori, come in un giorno di macello. Voi avete condannato ed ucciso il giusto, ed egli non vi resiste.

Siate pazienti pertanto, confratelli, fino alla venuta del Signore. Vedete, il contadino aspetta per i preziosi frutti della terra, ed ha grande pazienza in cio’, finche’ egli riceve la prima pioggia e l’ultima. Siate pazienti anche voi; rinsaldate i vostri cuori: poiche’ la venuta del Signore si avvicina.

Non abbiate invidia l’uno verso l’altro, confratelli, per evitare che siate condannati: ecco, il giudice sta alla porta. Prendete i profeti, confratelli miei, che hanno parlato nel nome del Signore, come esempio di sofferente afflizione, e di pazienza. Vedete, noi contiamo tra i felici coloro che sopportano. Voi avete udito della pazienza di Giobbe, ed avete visto lo scopo del Signore; che il Signore e’ pieno di compassione, e di tenera misericordia.

Ma sopra ogni cosa, confratelli miei, non giurate, ne’ per il Cielo, ne’ per la terra, ne’ per qualsiasi altra cosa: che il vostro si’ sia si’; ed il vostro no, no; per evitare che cadiate nella condanna.

Qualcuno tra di voi e’ afflitto? Che preghi. Qualcuno e’ lieto? Che canti salmi. Qualcuno tra voi e’ malato? Che chiami gli anziani della Chiesa; e che essi preghino per lui, ungendolo con olio nel nome del Signore: e la preghiera di fede salvera’ il malato, ed il Signore lo rialzera’; e se ha commesso peccati, gli saranno perdonati.

Confessate le vostre mancanze l’uno all’altro, e pregate l’uno per l’altro, che possiate essere guariti. La valida fervente preghiera di un uomo giusto puo’ molto. Elia era un uomo esposto alle stesse passioni come siamo noi, e lui prego’ ardentemente che non piovesse; e non piovve sulla terra per tre anni e sei mesi. Ed egli prego’ ancora, ed il cielo diede pioggia, e la terra produsse i suoi frutti.

Confratelli, se qualcuno di voi si allontana dalla verita’, e qualcuno lo converte; che egli sappia, che colui che ritorna il peccatore dalle sue vie sbagliate salvera’ un’anima dalla morte, e cancellera’ una moltitudine dei suoi peccati.