Archive for July, 2017

A CHRISTIAN UNDERSTANDING OF HOMOSEXUALITY

July 22, 2017

Part One

Part Two

Part Three

Part Four

L’ABITO NON FA IL MONACO

July 20, 2017

Starting from her impudent itches to commune during the menstrual cycle to her latest exploit, this woman’s conduct is a disgrace and should be prevented to further defile the angelic life.

Let your women keep silent in the churches, for they are not permitted to speak; but they are to be submissive, as the law also says.

And if they want to learn something, let them ask their own husbands at home; for it is shameful for women to speak in church.

To be sure, we have a woman as the most prominent theologian in the Church, and we venerate her as the most glorious creature: the All-Pure and Ever-Blessed Theotokos.

All Her preaching were a few words:”Whatever He will say to you, do it!”.

A few words, which epitomize Christianity.

Yet, we have this woman who seems to think that the monastic life consists in drinking coffee and maundering, who wastes millions of words to corrupt Christ’s flock in not doing what He says.

“Go, and sin no more!”

She is a well gone dry and a disgrace, and it’s a disgrace no less the fact that she’s allowed to continue sowing confusion and scandals in the Church.

HOLY FATHER PAISIOS, PRAY TO THE LORD FOR US

July 19, 2017

Today there are many who strive to corrupt everything: the family, the youth, the Church. In our day it’s a true witness to speak up for one’s people, for the state is waging war against divine law. Its laws are directed against the Law of God.

But we are responsible for not letting the enemies of the Church corrupt everything. Though I’ve heard even priests say: “Don’t get involved in that. It’s none of your business!” If they had reached such a non-striving condition through prayer I would kiss their feet. But no! They’re indifferent because they want to please everyone and live in comfort.

Indifference is unacceptable even for laymen, and all the more so for the clergy. An honest, spiritual man doesn’t do anything with indifference. “Cursed be he that doeth the work of the Lord deceitfully”, says the Prophet Jeremiah (Jer. 48:10). There’s a war on today, a holy war. I must be on the front lines. There are so many Marxists, so many Masons, so many Satanists and assorted others! So many possessed, anarchists and seduced ones! I see what awaits us, and it’s painful for me. The bitter taste of human pain is in my mouth.

The grace of the priesthood is something very special. It is like an external element of nourishment, from which priests get energy. But this grace is not his, it’s not something that belongs to him; neither is it given as a reward for some sort of spiritual accomplishments.

If those who are poor, in need and are starving do not grumble or murmur, they will receive the same reward as hermits who struggle in asceticism on the slopes of Mt. Athos. Monks abstain from food voluntarily, which greatly eases their ascetic labors. If I do something, for example, then I do it of my own free will, and as a result I barely feel the burden of asceticism. But these poor people hunger involuntarily and thus suffer much, much more. God can reward these people with even greater rewards than the ascetics living in solitude.

We monks often become hardhearted because we don’t see other people’s pain. But the poor laypeople are compassionate, for they see pain and sorrow around them all the time. Therefore, we have to make other people’s pain our own, and pray for the whole world.

If we do not feel consolation during prayer, then something is wrong. It means we have to repent and correct ourselves in something. Some wrongly say that this happens because of the envy and wiles of the devil. In fact it is the Lord is saying to us, “I don’t understand the way you are addressing Me”. Prayer, just like Holy Communion—is a Sacrament. One has to prepare for it and have a clean conscience.

If sincere repentance and humility are absent—the prerequisites for a person to feel that God’s mercy is vital to them—then external asceticism and self-coercion alone will bring one to a state of spiritual delusion.

We should not seek pleasure in prayer, not even spiritual pleasure. Otherwise, we become like the kind of children that love their father only because he gives them caramels and chocolates. The peace of our souls is what should be sought in prayer.

Many who have fallen into spiritual delusion, whom the devil has made into false prophets, did not place repentance and the knowledge of their own faults at the foundation of their spiritual warfare, but strove for fasting and vigil, wishing, on account of their pride, to achieve holiness by means of ascetic feats.

Just as each bus has a depot, so does demonic possession have a root cause. Do not go to an exorcism if you have not first found out what caused such a spiritual illness in the first place.

St. Paisios the Hagiorite

FORGIVE US, SOVEREIGN

July 17, 2017

For their prayers, o Lord, and the intercessions of Your All Pure Mother, give us the strenght to complete our repentance, deign Yorself to accept it, and restore the Christian Emperor to this perishing world. Amen.

santi martiri imperiali

We truly hope that the rampant freedom of mass disinformation media in our society will soon be replaced by a healthy censorship, which obstructs the mouths of those with a seared conscience, those who belong to the party of destruction, those whom Alexander Sergeevich Pushkin called degenerates.

One simple provision of law would suffice for that, but it is fully enforceable only under the Christian Emperor:

The conscious public lie is a criminal offence punished with three years of imprisonment, ten years for public officials and a life sentence for justices and public prosecutors. It carries a perpetual banishment from every public office and cannot be pardoned.

Even the defendant (including his lawyer) in a criminal process cannot lie. He can stay silent, but he cannot lie. The lawyers and the witnesses in a criminal process assume the role of public officials. Nobody can be forced to witness.

No ownership greater than 15% must be allowed in press and media enterprises for any individual or corporation. News and information are always considered public domain (i.e., there is NO right to lie).

To be sure, there was no abdication.

…”In these decisive days in the life of Russia, WE have deemed it OUR duty to facilitate for OUR people a close unity and alliance of all popular forces for the quickest attainment of victory, and, in agreement with the National Duma, WE have deemed it proper to abdicate the Throne of the Russian State and relinquish the reins of Supreme Power. Not wishing to part from OUR beloved Son, We pass OUR legacy to OUR Brother, the Grand Duke Michael Aleksandrovich, and bless His mounting upon the Throne of Russia. We exhort OUR Brother to rule over state affairs in full and inviolable unity with the representatives of the people in legislative institutions, on the principles that will be established by them, swearing to it with an inviolable oath. In the name of OUR ardently beloved Homeland, WE summon all loyal sons of the Fatherland to fulfill their holy duty to it by obeying the Tsar in the difficult moment of universal trials, and to help Him, together with the representatives of the people, establish the Russian State upon a path of victory, prosperity, and glory. May the Lord God help Russia.”
Pskov, March 2, 1917, 15:00.
Nicholas.”

Was this document a Manifesto of the Tsar’s abdication of the Throne? No, it was not. First of all, because this document was deliberately composed by the Tsar in violation of the law. Nicholas Aleksandrovich could not, had no right to hand over the monarchic power to his brother in the presence of a living heir. The fact that such an abdication was unlawful was already apparent at that time to all those who surrounded the Tsar, both the intentional traitors and their cowardly fellow-travelers. There is no provision at all in the law of succession for the abdication of a Tsar.

Staff Colonel Mordvinov writes in his memoirs about the obvious illegality of passing on the power to Michael Aleksandrovich:

“They are in doubt whether the Tsar has the right to hand the Throne over to Michael Aleksandrovich, bypassing the Heir Apparent, and they are checking the fundamental laws. I already know in advance that logically it is hardly likely that they would contradict the general laws, according to which a guardian cannot renounce any of his pupil’s rights, which means that until Alexis Nikolayevich attains his majority, the Tsar cannot hand the Throne over, neither to Michael Aleksandrovich, nor to anyone else. We swore an oath of fealty to the Sovereign and to his legal Heir, and as long as Alexis Nikolayevich is alive, there is only one legal Heir.”

The Tsar’s telegram to Headquarters, falsely called the “Manifesto of Abdication,” was the Sovereign’s last appeal to the Army. This telegram made it clear to every honest and loyal officer that the Tsar was being constrained, that this was a coup-d’etat. This is precisely why the Tsar chose the format of a telegram to Headquarters, knowing that it would be immediately dispatched to the troops by the triumphant traitor-generals, but among the troops there were still commanders and soldiers who remained loyal to the Tsar, to their oath, to their fealty sworn on the cross.

…. to this end he composes an intentionally unlawful document and sends it out as a telegram to his entire army, giving his people and the troops and their commanders who swore fealty to him a last chance not to forswear their oath, and tries to prevent his people from breaking their oath, from violating the Conciliary oath of 1613.

This was the only document in the history of the Russian State which the Tsar signed with a pencil. With this same pencil he underlined in those difficult hours the following sacred lines: “Ye are risen up in your fathers’ stead, ye progeny of sinful men” (Num. 32:14); “Every imagination and thought of their hearts was continually only evil” (Gen. 6:5).

Tsar Nicholas Aleksandrovich’s last appeal to his Army on March 2, 1917 went unheard.

There was no abdication.
The power in Rus’ lands is still exercised unlawfully.
The oath was broken.
The Tsar and the Heir were assassinated in a satanic ritual.
The land and the people still live in a lie.
They can escape it only by calling anew the Tsar from them through a new Council. His name, as Tsar, must be Alexis!

COME AND SEE

July 14, 2017

I was born in an under-developed, impoverished, hungry country where the sky is permanently overcast with dark clouds—of course, in the spiritual sense. I am speaking of Switzerland, and especially of the city of Geneva—the center of world freemasonry and finances, the stronghold of obscurantist heresy, and a materialistic megalopolis that is enjoying the lulling, stable comfort that easily protects it from the numerous everyday tragedies of humanity.

This is the incipit of a wonderful interview to subdeacon Pierre Haab, a convert from Roman Catholicism. You can understand from the first sentence that it is really worthy the time needed to read it.

Indeed, brothers, we were born in the same error. All of you who still are there, you must just come and see!

The “Undivided” Church of the first millennium had five great Patriarchates or branches. When the Roman Patriarchate changed the Nicene Creed and caused the Great Schism in 1054, the Roman branch was severed from the other four. A great branch severed from a tree still looks green and alive. The larger it is the longer it takes to wither and die. Likewise, the Roman branch still looked strong and vigorous when it was first broken from the Vine, but as we have seen in our survey of Church history it was in fact slowly rotting away until the rot became fully apparent after Vatican II. All of what had long been called Christendom in Western Europe and the Americas has now become post-Christian.

Fr. Victor Novak

The Orthodox Western Rite

FEED MY SHEEP

July 12, 2017

The Holy, Glorious and All-praised Leaders of the Apostles, Peter and Paul.

John 21:15-25 Matins Gospel
2 Corinthians 11:21-12:9 Epistle, Apostles
Matthew 16:13-19 Gospel, Apostles

San Pietro e sanPaolo

Simone Pietro, un servo ed apostolo di Gesu’ Cristo, a coloro che hanno ottenuto la stessa preziosa fede insieme a noi attraverso la giustizia di Dio e del nostro salvatore Gesu’ Cristo: pace e grazia siano moltiplicate in voi attraverso la conoscenza di Dio, e di Gesu’ nostro Signore, nella misura in cui il Suo potere divino ci ha dato ogni cosa che pertiene alla vita e devozione, attraverso la conoscenza di Colui che ci ha chiamati alla virtu’ ed alla gloria.

Per mezzo del quale ci sono date promesse grandi e preziose all’estremo: che tramite queste voi possiate essere partecipanti della natura divina, avendo scampato la corruzione che e’ nel mondo a causa della concupiscenza.

Ed accanto a cio’, prestando ogni diligenza, aggiungete virtu’ alla vostra fede; ed alla virtu’ conoscenza; ed alla conoscenza temperanza; ed alla temperanza pazienza; ed alla pazienza devozione; ed alla devozione bonta’ fraterna; ed alla bonta’ fraterna carita’.

Poiche’ se queste cose sono in voi, e abbondano, esse fanno che voi non sarete ne’ sterili ne’ infruttuosi nella conoscenza di nostro Signore Gesu’ Cristo. Ma colui che manca di queste cose e’ cieco, e non puo’ vedere lontano, e ha dimenticato che egli fu purificato dai suoi vecchi peccati.

Per questo, confratelli, ponete piuttosto diligenza nel rendere la vostra chiamata ed elezione sicure; poiche’ se voi fate queste cose, non cadrete mai. Poiche’ in tal modo un’entrata vi sara’ servita abbondantemente nel regno eterno del nostro Signore e Salvatore Gesu’ Cristo.

Per questo io non avro’ la negligenza di non porre sempre queste cose al vostro ricordo, sebbene voi le sappiate, e siate ben fondati nella presente verita’. Si’, credo che sia opportuno, fino a quando saro’ in questo tabernacolo, di scuotervi ricordandovele; sapendo che tra non molto devo rimandare questo mio tabernacolo, proprio come nostro Signore Gesu’ Cristo mi ha mostrato.

Inoltre faro’ in modo che voi possiate sempre ricordarle dopo la mia dipartita. Poiche’ noi non abbiamo seguito favole astutamente concepite, quando vi abbiamo fatto sapere il potere e la venuta di nostro Signore Gesu’ Cristo, ma fummo testimoni oculari della Sua maesta’. Poiche’ Egli ricevette da Dio Padre onore e gloria, quando venne a Lui questa voce dall’eccellente Gloria, “Questo e’ il mio Figlio diletto, nel quale son compiaciuto”.

E questa voce che venne dal Cielo noi la udimmo, quando eravamo con Lui sul sacro monte. Noi abbiamo anche una piu’ sicura parola di profezia; alla quale voi farete bene a prestare attenzione, come ad una luce che rispende in un posto oscuro, fino a quando il giorno arrivi, e la stella del mattino sorga nei vostri cuori: sapendo innanzitutto questo, che nessuna profezia della Scrittura e’ di privata interpretazione.

Poiche’ la profezia non venne nei tempi antichi dal volere dell’uomo; ma santi uomini di Dio parlarono perche’ mossi dallo Spirito Santo.

Ma ci furono anche falsi profeti tra il popolo, proprio come ci saranno falsi maestri tra di voi, che segretamente introdurranno dannabili eresie, perfino negando il Signore che li ha riscattati, e porteranno una rapida distruzione su loro stessi. E molti seguiranno le loro perniciose vie; a causa loro la via della verita’ sara’ mal parlata. Ed attraverso la cupidigia essi con parole finte faranno mercanzia di voi: il cui giudizio ora da lungo tempo non indugia, e la loro dannazione non sonnecchia.

Poiche’ se Dio non risparmio’ gli angeli che peccarono, ma li scaravento’ all’inferno, e li consegno’ in catene di tenebra, da riservare per il giudizio; e non risparmio’ il mondo antico, ma salvo’ Noe’ l’ottava persona, un predicatore di giustizia, portando il diluvio sopra il mondo degli empi; e riducendo le citta’ di Sodoma e Gomorra in cenere le condanno’ in una caduta, facendo di loro un esempio per quelli che dopo dovessero vivere empiamente; e salvo’ solo Lot, vessato dai luridi discorsi dei malvagi: (poiche’ quell’uomo giusto dimorando in mezzo a loro, nel vedere e nel sentire, aveva la sua anima virtuosa oppressa ogni giorno dalle loro illecite opere); il Signore sa come liberare il devoto dalle tentazioni, e riservare l’ingiusto per la punizione nel giorno del giudizio; ma principalmente coloro che vanno dietro alla carne nella brama per l’impuro, e disprezzano l’autorita’. Presuntuosi essi sono, testardi, non hanno timore di parlar male delle dignita’.

Laddove gli angeli, che son piu’ grandi in forza e potenza, non portano inveendo accuse contro di loro di fronte al Signore. Ma costoro, come brute bestie in natura, fatte per essere prese e distrutte, parlano male di cose che non capiscono, e periranno completamente nella loro stessa corruzione; e riceveranno il compenso degli ingiusti, come coloro che hanno piacere nel gozzovigliare durante il giorno.

Macchie essi sono ed imperfezioni, dilettandosi nei loro stessi inganni mentre fanno banchetto con voi; avendo occhi pieni di adulterio, e che non possono fermarsi dal peccare; seducendo anime instabili: hanno un cuore esercitato con avide pratiche; figli maledetti: che hanno abbandonato la retta via, e sono andati alla deriva, seguendo la via di Balaam il figlio di Bosor, che amo’ il salario dell’ingiustizia; ma fu redarguito per la sua iniquita’: l’asino senza parola parlando con voce d’uomo proibi’ la pazzia del profeta.

Costoro sono pozzi senz’acqua, nuvole che sono trasportate con una tempesta; ai quali la caligine della tenebra e’ riservata per sempre. Poiche’ quando loro parlano grandi parole rigonfie di vanita’, loro allettano attraverso le brame della carne, attraverso tanta licenziosita’, coloro che erano puri scampati da quelli che vivono nell’errore. Mentre promettono loro liberta’, loro stessi sono i servi della corruzione: poiche’ da chi un uomo e’ vinto, dallo stesso egli e’ posto in servitu’.

Poiche’ se dopo essere scampati alla contaminazione del mondo attraverso la conoscenza del Signore e Salvatore Gesu’ Cristo, essi vi rimangono di nuovo impigliati, e vinti, la loro fine e’ peggiore di quanto fosse per loro l’inizio. Poiche’ sarebbe stato meglio per loro non aver conosciuto la via della giustizia, piuttosto che, dopo averla conosciuta, voltarsi dal santo comandamento consegnato loro. Ma e’ accaduto loro secondo il vero proverbio, “Il cane torna di nuovo al proprio vomito; e la scrofa che fu lavata al suo sguazzare nel fango”.

Questa seconda epistola, amati, ora io vi scrivo; come nella prima incito le vostre menti pure per mezzo del ricordo: che voi possiate ricordare le parole che furono in passato parlate dai santi profeti, ed i comandamenti di noi apostoli del Signore e Salvatore: sapendo innanzitutto questo, che negli ultimi giorni verranno dei beffeggiatori, camminando dietro le loro proprie brame, e dicendo, “Dove e’ la promessa della Sua venuta? Poiche’ da quando i padri si addormentarono, tutte le cose continuano come son sempre state dall’inizio della creazione”.

Per questo essi sono volutamente ignoranti del fatto che per la Parola di Dio furono i cieli all’inizio, e la terra sostenuta fuori dall’acqua e dentro l’acqua; per cui il mondo che allora era peri’, essendo sommerso dall’acqua: ma i cieli e la terra che sono adesso, da quella stessa Parola sono conservati, riservati per il fuoco nel giorno del giudizio e della perdizione degli uomini empi.

Ma, amati, non siate ignoranti di questa cosa, che un giorno e’ con il Signore come mille anni e mille anni come un giorno. Il Signore non e’ negligente riguardo la Sua promessa,  come alcuni uomini considerano la negligenza; ma e’ paziente verso di noi, non desiderando che alcuno perisca, ma che tutti vengano al pentimento.

Ma il giorno del Signore verra’ come un ladro nella notte, quando i cieli si dissolveranno con gran frastuono, e gli elementi si fonderanno con ardente fiamma, anche la terra e le opere che essa contiene bruceranno. Vedendo allora che tutte queste cose si dissolveranno, che tipo di persone dovreste voi essere in conversazioni tutte sante e devozione, cercando ed affrettandovi nella venuta del giorno di Dio, dove i cieli infiammati si dissolveranno e gli elementi si fonderanno con ardente fiamma?

Tuttavia noi, secondo la Sua promessa, attendiamo nuovi cieli ed una nuova terra, dove dimorera’ giustizia. Pertanto, diletti, vedendo che voi attendete tali cose, siate diligenti che possiate essere trovati da Lui in pace, senza macchia, e senza colpa.

E considerate che la gran pazienza del nostro Signore e’ salvezza; proprio come anche il nostro amato fratello Paolo nella saggezza che gli e’ stata data vi ha scritto; come pure in tutte le sue epistole, parlando in esse di queste cose; nelle quali vi sono alcune cose difficili da capire, che coloro che sono dimentichi ed instabili contorcono, come fanno anche con le altre scritture, verso la loro propria distruzione.

Pertanto voi, diletti, vedendo che sapete queste cose in anticipo, fate attenzione per evitare che anche voi, essendo trascinati dall’errore dei malvagi, cadiate dalla vostra propria perseveranza. Ma crescete nella grazia, e nella conoscenza del nostro Signore e Salvatore Gesu’ Cristo. A Lui sia gloria sia oggi che sempre. Amen.

TESTE DI GLOBO IN ABITO SACERDOTALE

July 5, 2017

Se certi sacerdoti dell’Altissimo riverissero la Parola di Dio con lo stesso zelo col quale difendono la narrativa scientista che ha ipnotizzato gli uomini negli ultimi secoli, l’Italia intera diverrebbe Ortodossa nel giro di un decennio.

Ahime’, lo zelo senza conoscenza non porta frutti, mai, neppure quando e’ messo al servizio del nemico. I pochi capoversi prodotti dal sacerdote in questione non sono altro che un tripudio di sciocchezze e apodittiche affermazioni, come ad esempio quella che vorrebbe la teoria della palla impazzita errante in un universo demenziale supportata da “milioni di prove empiriche”.

La realta’ e’ invece che ogni nostra verificabile esperienza ci dice esattamente il contrario. Chiunque sia libero da condizionamenti o servitu’ puo’ facilmente verificarlo da solo.

Non e’ il caso del nostro sacerdote, che si rifiutera’ anche solo di darvi un’occhiata di sfuggita, per paura di angariare l’idolo al cui servizio si e’ posto. Un idolo che si fa pomposamente chiamare “scienza”, ma che e’ in realta’ una grossa, grassa bugia unita alla piu’ formidabile macchina propagandistica che sia mai esistita.

Idolo i cui ridicoli oracoli non sono in grado, di converso, di presentare una sola evidenza empirica a favore della trottola sulla quale vivremmo, a parte affermazioni del tipo “ci sono elfi nel mio giardino, ma diventano invisibili ogni volta che qualcun altro vuole vederli”, oppure l’attribuzione di magici poteri creativi a delle formule matematiche. Proprio cosi’, il mondo e’ stato riempito di idioti che pensano che se una formula matematica (un mero linguaggio) puo’ descrivere qualcosa, allora puo’ anche crearlo (o quantomeno quello che descrive deve essere reale); insomma, come dire che Gandalf e’ stato creato o esiste realmente grazie alla perfetta descrizione fattane da Tolkien.

La cosa non sorprenda, poiche’ il loro padrone ha passato la sua intera esistenza a scimmiottare Dio, la cui Parola e’ l’unica che crea!

Tant’e’ vero che il nostro sacerdote non si degna di farci conoscere nemmeno una di quei milioni di prove che supporterebbero la sua palla impazzita. Si limita a citare “fotografie e filmati di ogni tipo”. Fotografie e filmati che chiunque non abbia sacrificato il suo cervello (o la sua anima) a quell’idolo sa benissimo non essere altro che grafica computerizzata, “impressioni d’artista”, photoshop e prodotti cinematografici (questi ultimi di qualita’ davvero scadente, i film veri tipo “Gravity” sono molto piu’ verosimili).

Il solerte difensore della fede scientista si lancia anche in un accorato appello a non sovvertire la societa’. Addirittura! In effetti, dire la verita’ ha sempre causato contorcimenti e spasmi a questo mondo, che e’ basato e si mantiene sulla menzogna sistematica; pero’ sarebbe stato meglio allora che egli avesse usato parole piu’ adatte, tipo non disturbate il padrone (<= il padre di ogni menzogna).

Il Signore disse che non era venuto per portare pace nel mondo, ma una spada. Sarebbe interessante sapere quale reazione il nostro sacerdote avrebbe avuto alla Sua Parola, se egli fosse vissuto quando il Figlio di Dio camminava in mezzo agli uomini. Spero che non si sarebbe stracciato le vesti.

E quando l’Apostolo insegna che il mondo intero giace nel male, qual’e’ la reazione del buon sacerdote? Ha forse anche l’Apostolo sviluppato una “dipendenza patologica dalle teorie del complotto”?

Infine, il buon sacerdote corre a cercare soccorso per la sua adorata palla da John Sanidopoulos, della cui strana logica abbiamo gia’ avuto modo di meravigliarci.

Il personaggio in questione anche stavolta non si smentisce nel suo ruolo di guardiano dell’ortodossia mondana, e ci delizia con un’altra superba esibizione di logica della minchia. A sentire il suddetto cazzaro, che ovviamente cita come fonti alcuni oracoli (di terz’ordine) dell’idolo al quale si prosta, si ha quasi l’impressione che i santi Padri della Chiesa fossero tutti credenti nella palla impazzita in perenne top spin in un universo demenziale, ad eccezione di Lattanzio ed un altro di cui non avevo mai sentito parlare (che non sono santi Padri). Non solo, egli contesta che fino a pochi secoli fa la credenza in una terra piatta, immobile, al centro del cosmo, fosse pressoche’ universale.

Naturalmente, la verita’ e’ esattamente l’opposto. Gli uomini hanno sempre creduto, sin dall’inizio dei tempi ed ovunque, in una terra piatta, fissa ed immobile al centro dell’universo, con poche sparute eccezioni (Eratostene, Pitagora e qualche altro gruppetto di eccentrici), fino a quando pochi secoli fa il mistero dell’iniquita’ ha cominciato ad incarnarsi e con implacabili sforzi e’ riuscito a far sviluppare negli uomini l’idiozia abissale necessaria per credere nelle sciocchezze tanto care al nostro solerte guardiano dell’ortodossia scientista.

Per inciso, il viaggio di Colombo, come la circumnavigazione di Magellano, e’ perfettamente fattibile in una terra piatta, la cui mappa potete vedere qui sotto. In verita’, esse sono fattibili solo in una terra piatta. Provate a navigare su una palla, se non ci credete.

Map of the World

Oh perbacco! Dimenticavo la gravita’….. quella forza magica che tiene attaccati al pallone impazzito trilioni di tonnellate di roccia e terra, trilioni di litri d’acqua (curvata tra l’altro, cosa che non si e’ mai vista in natura) ed un miliardo di miglia quadrate di aria (mantenuta anche ordinatamente in strati), e miliardi di persone a testa in giu’, il tutto rotante su se’ stesso a mille miglia l’ora, ma che benevolmente si lascia vincere dalle fragili ali di un passerotto e ci permette anche qualche saltello ogni tanto.

Orbene, la semplice idiozia non e’ sufficiente per credere in una cosa del genere. Ci vuole un’idiozia fiammeggiante! Un’idiozia che brucia di devozione per l’idolo che richiede una tale credenza.

Quantomeno quando si sia considerata la cosa analiticamente per qualche giorno, invece di darla semplicemente per scontata, come abbiamo fatto tutti, a seguito della programmazione ed ipnotismo mentale che oggi chiamano educazione ed informazione. In pratica, ad ogni uomo viene dato un mappamondo quasi insieme al latte materno.

Riguardo i santi Padri della Chiesa, non ce n’e’ mai stato uno che abbia creduto nelle sciocchezze che i guardiani ortodossi dello spirito del mondo difendono a spada tratta. Non sono molti quelli che hanno affrontato la questione, ma per la semplice ragione che non era una questione.

Erano tutte cose date per scontate, considerate evidenti, non bisognevoli di analisi, anche perche’ non attinenti immediatamente alla fede e soteriologia Cristiana (mentre non mentire, non ingannare, non vergognarsi della Parola di Dio, ne’ alterarLa, non cadere nella delusione di poter credere un pochino in Dio ed un pochino nei nemici di Dio, vi attengono, ed in misura non secondaria).

E neppure hanno mai sentito il bisogno di dogmatizzare in materia. Sarebbe stato come dogmatizzare che l’acqua bollente scotta. I dogmi la Santa Chiesa li produce quando vi sono materie controverse, questa non lo e’ mai stata fino all’avvento (piuttosto recente) dell’idolo scientista.

In ogni caso, tutti i santi Padri della Chiesa che hanno affrontato esplicitamente la materia in questione hanno insegnato il significato letterale della narrazione biblica della Genesi e della cronologia del mondo, e tutti loro hanno affermato la terra come centro immobile dell’universo (magari senza usare la parola “piatta”, per il semplice motivo che non ce n’era bisogno, a quei tempi gli uomini non erano ancora stati sufficientemente privati del Logos per poter credere di vivere su una palla impazzita).

E tutti quelli che hanno esaminato quell’altra recente stronzata, nota come “evoluzione darwiniana”, la hanno condannata come eretica.

E sfido chiunque a presentare evidenze del contrario!

Beninteso, non vi e’ alcuna guerra tra fede e scienza. La fede dei Cristiani e’ nella Verita’ e la legittima scienza non puo’ fare altro che sperimentare e confermare cio’ che e’ vero. La guerra alla Verita’ e’ stata dichiarata dall’idolo scientista eretto dal nemico sopra favole per adulti ritardati e servito, a quanto pare, anche da chi invece dovrebbe servire l’altare dell’Altissimo.

L’unica cosa vera detta nel deliquio mentale del sacerdote in questione e’ il fatto che gli idioti, come i poveri, li avremo sempre con noi, fino al Giorno del Giudizio. Alcuni di loro, nell’imperscrutabile buon piacere del Signore, rivestono abiti sacerdotali.

THOU SHALT NOT MAKE AN IDOL UNTO YOURSELVES

July 3, 2017

Just recently someone wrote to me that he believed that the earth was flat and that dinosaurs never existed because their fossils had only recently been discovered. Yet the Psalms say that: ‘He hath made the round world so sure, that it cannot be moved’. To be very old-fashioned is not the same as following the Tradition, which is much more radical than being old-fashioned. Such extreme conservatism also has to be repented for.

Father Andrew Phillips has graciously conceded an interview to himself where he has stated the bizarre sentences quoted above.

The Psalms say the truth, of course. In fact, the world is round. It’s not a ball gone crazy though, the earth is a flat circle.

Map of the World

This is affirmed in countless other excerpts of the Scriptures, all of them the good father has forgotten to mention. The video below reports an extensive sample of them.

 

Apart from the unequivocal scriptural affirmation (the Word of God, you know), there is the univocal teaching of all the holy Fathers of the Church. All of them, I repeat, all of them teach that the earth is the flat and immovable center of the universe.

As for the dinosaurs, the current reported narrative about them is most certainly a hoax. Anyway, the Scripture mentions the Leviathan, so that gigantic animals can very well have existed (in fact, they exist even today), but for sure not hundreds of millions years before man. Before the good father thunders his indignation, I must warn him that the cronology of the world is unequivocally affirmed in the Scripture, Gospels included, and univocally teached by all the holy Fathers of the Church. All of them!

Evidently, the man of the correspondence believes as every single holy Father of the Church has believed.

We must therefore sadly conclude that this feminist priest who dared to ask repentance from the Holy Spirit is not the only one able to make such blasphemous demands.

In all truth, father Andrew is not so bold like another priest of the Most High, to whom also that corrispondence was addressed, a priest who’s dared to oppose to the Word of God and the Holy Tradition of His Church some freemasons, comparing moreover one of them, one of the most despicable, to the Holy and Glorious Prophet John the Baptist (the greatest of all born from a woman, according to our Lord). Father Andrew at least cited (vainly) a quote from the Scripture.

It must be said that, apart from the biblical and patristic guidance, common sense alone should be sufficient to dismiss ludicrous claims like men living upon a spinning ball, et similia. I’m sure that corrispondence provided plenty of resources to consider and analize, but to no avail. Priests of the Most High will not even look unto them, in fear to anger the universal idol to whom they reverently bow, pompously called science, but in fact a gross, crass lie united to the most formidable propaganda machine ever conceived to hide God and steal His creatures.

They will unquestionably worship the gravity, for instance, that magical  gigantic force able to keep attached to their beloved ball thousands of trillions tons of rock and earth, gazillions liters of water (curved moreover, something never seen in nature) and a billion square miles of air (also kept neatly in layers), and billions of people upside down, all rotating about it at a thousand miles an hour, but which benevolently lets it be won by the fragile wings of a mosquito and even allows us some little hop every now and then.

Idiocy is not enough to believe something like that, at least when you stop to take it for granted, as everyone of us has done (they give us a globe almost together with maternal milk), and start thinking about it.

A flaming idiocy is necessary to believe such a thing, an idiocy burning with devotion for the idol which requires such belief through its clownesque oracles.

Therefore, I am left with a question: are priests of the Most High God able to repent?

IN MEMORIA DI LUIGI DI BELLA, SCIENZIATO, MEDICO E GALANTUOMO

July 1, 2017

 

“L’animo mi dice che non sono vissuto inutilmente, perché ho fatto del bene ed ho gioito per il bene fatto”.

E noi gioiamo perche’ le puzzole morali e lo stuolo interminabile di sozzura che gli striscia dietro, responsabili della sua persecuzione e di infiniti lutti, continuano a sbattere il grugno contro il suo esempio e la sua opera e la sua eredita’. Sempre piu’ forte!

Quattordici anni fa prendeva commiato da questa vita il Professor Luigi Di Bella.

prof Di Bella

Tra i piu’ grandi dei pochi, veri scienziati del secolo scorso, ideo’ la piu’ efficace cura contro il cancro attualmente disponibile. Ove non contrastata con ogni mezzo a disposizione dai servitori dell’oscuro padrone, avrebbe potuto salvare milioni di vite. Molte migliaia ne ha salvate, o ne ha prolungato considerevolmente la durata, senza sofferenze. Milioni potrebbe ancora salvarne, se i pupazzi delle potenze dell’aria desistessero dal percorrere la strada che li precipitera’ all’inferno.

La sua cura, fondata su una visione olistica e personale del malato, si basa su principi assolutamente naturali (non brevettabili quindi, e questo spiega l’ostracismo assoluto riservatole dai burattini politici delle multinazionali farmaceutiche e dalla Panza accademica). Se adottata dall’amministrazione sanitaria, oltre a curare effettivamente le persone,  farebbe risparmiare molte decine di miliardi annualmente alle casse dello Stato, costando solo una frazione dei veleni chemioterapici e permettendo una vita assolutamente normale al malato durante la cura. Invece no, coloro che si sono impadroniti della cassa pubblica continuano pervicacemente a rifiutare il rimborso delle spese della cura a chi vuole intraprenderla (spese comunque pesanti per uno stipendio medio mensile), dopo aver  intascato i loro soldi in tasse  per tutta  la vita, ma sono ben contenti di sborsare venti volte tanto a sindacati criminali farmaceutici stranieri se uno acconsente a  farsi avvelenare. In pratica, condannano ad  una morte lenta ed  atroce milioni di persone ogni anno. Voi continuate pure a credere che il diavolo non esiste!

Il Professor Luigi Di Bella accolse la sua vocazione di medico nel senso del dovere cristiano della misericordia.

Diede, e nulla chiese in cambio.

Sopporto’  la sua passione con l’umilta’ di coloro ai quali appartiene il Regno dei Cieli.

A lui sia Eterna Memoria.

*************

Approfondimenti   ***     Il Sistema Sanitario Demonocratico ed il Metodo Di Bella

I Siti Ufficiali   ***      MetodoDiBella         DiBellaInsieme

La Vita e le Opere del Professore nella Biografia del figlio Adolfo