THE DEMONOCRATIC JOB


A Slavjansk si moltiplicano i bambardamenti di chiese: l’altro ieri vi abbiamo presentato le rovine della cappela accanto alla chiesa di san Serafino di Sarov nel sobborgo di Cherevkovka. Ora a Slavjansk hanno bombardato la cattedrale di Sant’Aleksandr Nevskij e la chiesa della Risurrezione, mostrata nel seguente video:

Purtroppo in quest’ultima chiesa è morto il custode, di cui vedete il feretro di fortuna (pregate per il riposo dell’anima del servo di Dio Aleksandr)

Le notizie delle chiese attaccate a Slavjansk ci arrivano perché nella Repubblica di Donetsk la stampa è libera. Non osiamo pensare a cosa stia succedendo nell’Ucraina occidentale, dove giungono voci, che per ora non è possibile confermare (censura dei media?), di preti ortodossi ucraini del Patriarcato di Mosca costretti a fuggire in Russia mentre uniati e scismatici – inclusi i leader del loro clero – li minacciano apertamente di morte, e le loro chiese di distruzione. (una conferma posso fornirla io – ndM)

========================================

Il locum tenens della cattedra metropolitana di Kiev, il metropolita Onufrij di Chernovtsy e della Bucovina, in un’intervista a “Interfax-Religion” si è soffermatro tra le altre cose sulle cause spirituali dei tragici eventi che si svolgono oggi in Ucraina.

“Vediamo un conflitto di interessi economici, politici, e se volete, spirituali tre Oriente e Occidente, e questa crepa si è estesa in Ucraina. Questa è la nostra tragedia” – in particolare, ha detto il presule.

“L’Oriente ha i suoi valori, l’Occidente i propri, noi siamo una zona cuscinetto tra Oriente e Occidente”, così ha detto, soffermandosi sulla differenza di questi valori:

“Un quarto di secolo dopo la persecuzione atea, cerchiamo con i poveri e i bisognosi nella nostra terra di rivivere la fede in Cristo e rafforzare la sua Chiesa, e l’Europa ci mostra già un esempio specifico di una vita senza Cristo, in cui non si presta attenzione ai comandamenti del Signore, ai suoi divieti. Al contrario, si incoraggia sempre di più il permissivismo, secondo il quale la vita non è santificata dalla legge di Dio, ma dai desideri umani. ”

“Oggi tutto il mondo è come diviso in due campi: un campo sono quelle persone che vogliono mantenere in vigore ed efficaci le leggi morali date da Dio all’uomo per il suo beneficio. E la seconda metà viola queste leggi. Per esempio, il matrimonio. Dio ha benedetto il matrimonio dell’uomo e della donna, di Adamo ed Eva. Non di due Adami, non di due Eve. Ma ad Adamo ed Eva ha detto: “Siate fecondi e moltiplicatevi”. E ora introducono leggi che Dio condanna, come il matrimonio gay ”

“Un altro esempio. Cristo vieta all’uomo di disporre della sua vita – ne dispone Dio. E ora vogliono introdurre una legge sull’eutanasia, di fatto, legalizzare il peccato del suicidio”.

“Oggi, nel nostro tempo, l’aborto legalizzato quando erano al potere i senza Dio, è difeso da persone che si ritengono credenti, che posano la mano sulla Bibbia e giurano su di essa”.

“Perciò, quelle leggi che oggi ci offre il nuovo mondo europeo sono per noi inaccettabili. Non possiamo contribuire e partecipare a questo mondo. Abbiamo bisogno di mantenere l’unità con le persone che custodiscono la legge di Dio.

Il fatto è che se non ci sono sulla terra persone che mantengono l’ordine della vita di Dio, la vita dell’umanità è destinata all’auto-distruzione”, – ha concluso il presule.

Padre Ambrogio

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s


%d bloggers like this: