Archive for October, 2013

THE (FINANCIAL) MARKET EFFICIENCY

October 31, 2013

COMPANIES                          MARKET CAP           EBITDA

Amazon                                   167 B$                3.27 B$

Intel + Hewlett-Packard           167 B$                  33.6 B$

THE BEGINNING OF THE END

October 31, 2013

Jim Sinclair, who has just accepted the position as Chairman of the Advisory Board for the establishment of the Singapore Gold Exchange, says, “The exchange will trade physical gold only and not future gold. . . . You have to make delivery.”  Meaning, there will be no naked short selling or manipulation of this new market.

My presence in Singapore is a mission for us. Having reported to you the six locations where cash and physical only exchanges for silver and gold were to be established, I did not leave it at that. My staff and I have contacted each proposed exchange in order to determine which of the six held the best promise for the gold market transition phase for price discovery away from paper gold and to physical gold material.

 

My original interest was to join that exchange on behalf of TRX. That desire transmuted itself into putting my shoulder behind that exchange which offers the global window to the real price of gold. That exchange in my opinion is the Singapore Physical Precious Metals Exchange, headed by CEO Victor Foo.

 

Too long has gold suffered from trading in its paper form which was originally conceived of and has continued to live as the means of manipulating the paper price of gold for the benefit of the few.

 

The time is at hand for Free Gold. The mechanism of freeing physical gold from price slavery to paper gold is the present time deletion of future exchange warehouse supply as the real cash price of physical gold exceeds the spot futures paper contract by the cost of shipping, the cost of insurance, and the cost of recasting of Western form 100 ounce gold bars into Asian product demand form.

 

The reported shipment of one billion in gold recently from the USA to the Rand Refinery in the Republic of South Africa was not junk jewelry form as reported. It was rather in the form of 100 ounce Comex bars being shipped to the Rand Refinery for recasting into Asian product, and was sold mainly in China as gold rose in price.

 

I was there as a member of the Comex exchange in March of 1980, the last time the Comex board of directors panicked over the threat of the Hunt Brothers asking for delivery of both gold, silver and copper in excess of, or equal to, the then Comex warehouse qualified for delivery supply.

 

Asian demand for physical gold is now in excess of supply and the declining Comex warehouse supply qualified for delivery. This is the mechanism for the emancipation of Physical Gold from the 41 years of price slavery to paper gold due to the cheap paper mechanism to manipulate the world gold price.

 

With the present time and predictable need to change the delivery mechanism on the COMEX to cash in order to avoid default on delivery, the reign of paper gold is ending. With this end we have the arrival of physical gold as the new discovery mechanism for the price of gold.

 

For the transition to take place it is necessary that we have functional global platforms for the trading of physical metals between peers of merit and a transparent price for global physical gold that exists nowhere for even professional public consumption.

 

There has been a clarion call from the long suffering holders of gold shares and investment gold for the Chief Executive Officers of gold companies to identify and take definitive action to end the slavery of the gold price to the mechanism of manipulation, the paper gold market. The advent of global platforms for and the true revelation to the gold public of the real gold price, the physical cash price on a 24 hour basis in the answer.

 

The cost of trying to manipulate this public physical price wherein delivery must be immediately made or payment presented immediately in full makes it too expensive to manipulate the gold price on a consistent basis. The paper gold market cannot move far away from the real physical price when the real physical price is globally known. Therefore to manipulate price the tricksters will have to participate on the physical exchanges thereby increasing their cost of their operation by orders of magnitude. That huge increase in the cost of moving price at will is the beginning of the end of paper gold ruling the physical gold price. That substantial increase in the cost of operation is the beginning of the physical gold market taking the position as the true discovery mechanism for the global price of gold. It is the beginning of the end of the reign of paper gold.

 

We CEOs of gold companies owe our stockholders economic production and all of our efforts to defeat the plans of the tricksters and their paper machinations that cost near to nothing and results in gold moving such as $1900 to $1200 when the true demand for physical over ground gold was on the rise and not on the fall. Where demand exceeded supply as paper gold was forced by bullies down from $1900 to $1200. This dichotomy in price is only viable via paper gold manipulation and must end here and now. To that object of “Free Gold” and the economic production of gold, I dedicate all my strength, all my contacts of 53 years in the business, all my knowledge of how to, and my capital.

 

Respectfully yours,
Jim Sinclair

MACCHIAVELLI RELOADED – CAPITOLO DICIOTTESIMO

October 30, 2013

Quando verrà per noi il momento di prendere delle misure speciali di polizia imponendo l’attuale sistema russo dell'”Okhrana” (il più pericoloso veleno per il prestigio dello Stato) susciteremo dei tumulti fittizi fra la popolazione, oppure la indurremo a mostrare una irrequietezza prolungata, al che riusciremo con l’aiuto di buoni oratori i quali troveranno molti simpatizzanti, ciò che ci fornirà la scusa di perquisire le abitazioni, nonché di sottoporre le persone a restrizioni speciali, servendoci dei nostri dipendenti che contiamo nella polizia dei Gentili.

Siccome la più gran parte dei cospiratori sono spinti dalla passione che hanno sia per la congiura, sia per le chiacchiere, non li toccheremo fin tanto che non li vedremo sul punto di mettersi ad agire contro di noi, e ci limiteremo ad introdurre fra essi un – per così dire – elemento delatore. Dobbiamo ricordarci che un potere perde di prestigio ogni qual volta scopre una congiura pubblica diretta contro di esso. In simile rivelazione è implicita la presunzione della sua debolezza, nonché, cosa ancora più dannosa, l’ammissione dei suoi errori. Dovete sapere che abbiamo distrutto il prestigio dei Gentili regnanti, mediante numerosi assassini privati, compiuti dai nostri agenti, pecore cieche del nostro gregge, che possono facilmente essere indotte a commettere un delitto purché sia di carattere politico.

Obbligheremo i governanti a riconoscere la propria debolezza coll’introdurre apertamente delle misure speciali di polizia, tipo “Okhrana”, e così scuoteremo il prestigio del loro potere. Il nostro sovrano sarà protetto da una guardia segretissima, giacché non permetteremo mai che si possa credere possibile una congiura contro il nostro sovrano, che egli non sia in grado di sventarla personalmente, o dalla quale egli sia costretto a nascondersi. Se permettessimo che prevalesse un’idea simile, come prevale fra i Gentili, firmeremmo la condanna a morte del nostro sovrano, e se non di lui personalmente, della sua dinastia.

Il nostro sovrano, osservando scrupolosamente le apparenze userà del suo potere soltanto per il beneficio della nazione, e giammai per il suo bene personale, o della sua dinastia. Con questo severo mantenimento del suo decoro, otterrà il risultato che la sua potenza sarà onorata e protetta dai suoi stessi sudditi. Essi adoreranno la potenza del sovrano, ben sapendo che ad esso è collegato il benessere dello Stato perché da esso dipende l’ordine pubblico. Far la guardia al Re apertamente, equivale ad ammettere la debolezza del suo potere.

Il nostro sovrano sarà sempre in mezzo al suo popolo ed avrà l’apparenza di essere circondato da una folla indiscreta di uomini e di donne, che per puro caso, in apparenza, occuperà sempre le file più prossime a lui, tenendo così indietro il resto della gente, soltanto per conservare l’ordine. Questo esempio insegnerà agli altri la padronanza di sé stessi. Nel caso che un supplicante fra il popolo, volendo presentargli una domanda, arrivi a farsi strada attraverso alla folla, coloro che sono nelle prime file prenderanno la sua petizione e la consegneranno al sovrano alla presenza del supplicante stesso, acciocché ognuno sappia che tutte le petizioni giungono al Sovrano e che egli stesso controlla tutti gli affari. Il prestigio del potere deve, per sussistere, occupare una posizione tale che il popolo possa dire: “Se il Re solamente potesse sapere!” oppure: “Quando il Re lo saprà!”. Il misticismo che circonda la persona del sovrano svanisce appena lo si vede attorniato da una guardia di polizia. Quando viene fatto uso di una simile guardia, qualunque assassino con una certa audacia, può considerarsi più forte della guardia e quindi, realizzando la sua forza, basta che egli attenda il momento propizio e potrà assalire il re. Non predichiamo questa dottrina ai Gentili; potete constatare da voi stessi il risultato che ha avuto il sistema di circondare di guardie visibili i sovrani dei Gentili. Il nostro Governo arresterà tutti gli individui che più o meno giustamente sospetterà di essere delinquenti politici. Non è prudente che, per il timore di giudicare erroneamente qualcuno, si dia l’opportunità di fuggire alle persone sospette di tali delitti, verso di esse saremo spietati. Si potrà forse, in casi eccezionali, prendere in considerazione alcune circostanze attenuanti a favore di delinquenti comuni, ma non vi possono essere attenuanti per un delitto politico; vale a dire che non esiste giustificazione per un uomo che si lasci trascinare ad occuparsi di politica, cosa che nessuno, fuorché il regnante, ha il diritto di comprendere. Ed invero neppure tutti i governanti sono capaci di comprendere la vera politica.

DAI LORO FRUTTI LI RICONOSCERETE

October 25, 2013

The only hope for Europe and the West is to return to their roots, in Christ. An interview with fr. Gabriel (Bunge).

CHRIST IS RISEN

October 24, 2013

Khristos anesti ek nekron,
Thanato thanaton patisas,
Kai tis en tis mnimasi
Zo-in kharisamenos!

It may come as a surprise that one of the most reliable testified events in the ancient world is the resurrection of Christ, recorded in writing within a generation after the event (see 1 Corinthians 15) and fully testified within two generations while the majority of the witnesses were still alive. To understand how rare this is in the ancient world, one need only look at such a historical figure as Alexander the Great, whose earliest biography was not written until about 400 years after his death, after the earliest written testimony for Jesus.

Twelve Resurrection Appearances in the New Testament

There are twelve indisputable resurrection appearances recorded in the New Testament which spanned a time period of forty days following the event of the resurrection. They are to the following people:

– Mary Magdalene (Mk. 16:9-11; Jn. 20:11-18)
– The Myrrh-bearing women (Mt. 28:9-10)
– Two disciples going to Emmaus (Mk. 16:12-13; Lk. 24:13-32)
– Peter (Lk. 24:34; 1 Cor. 15:4)
– Ten disciples (Lk. 24:36-43; Jn. 20:19-25)
– Eleven disciples (Mk. 16:14; Jn. 26-29)
– Seven disciples (Jn. 21: 1-23)
– Eleven disciples on the mountain (Mt. 28:16-20)
– Over five hundred disciples (1 Cor. 15:6)
– James, the brother of our Lord (1 Cor. 15:7)
– Disciples in Bethany at the Ascension (Lk. 24:50-53; Acts. 1:2-12)
– Paul (1 Cor. 15:8)

We should mention that Acts 1:3 records Jesus appeared many times over a forty day period following his resurrection from the dead, so the appearances are not limited to only twelve.

How many saw the resurrected Christ?

Over a period of forty days Christ rarely appeared to only one individual disciple. Usually many were present, and he gave ample evidence that his resurrection was in his physical body (they touched his wounds and saw him eat). From the testimony in the New Testament, we know that well over five hundred people saw the risen Jesus, usually in groups, and there are no contradictions in the accounts nor recorded disputes about these appearances by those who saw him.

When did they see the resurrected Christ?

Interestingly, all the resurrection appearances occurred either during the day, afternoon or towards evening. Never is a resurrection appearance recorded at night, lest it be confused with a dream.

Where was the risen Christ seen?

The risen Christ appeared in many different areas, both indoors and outdoors. He was seen:

– Near his tomb
– On a well travelled road
– The seashore
– Inside a home
– A mountain
– A city
– Outdoors
– Judea
– Galilee

How did they see the risen Jesus?

The appearances of Jesus were not passing visions, but they lasted over many hours to people of different backgrounds and occupations, where he would eat with those he appeared to and have conversations with them. None of them had previously believed that he would rise from dead, so initially the appearances confirmed the event and clarified teachings they may not have understood.

– The Apostle John writes in 1 John 1:1-4 that they heard, they saw, and they handled the risen Christ.

– The Apostle Peter says in Acts 10:41 that they ate and drank with the risen Christ.

(from Mistagogy)

======================================================

Excluding a case of continued mass hallcination, really hard to sustain, somebody could claim that the witnesses (all of them!) would have invented the whole story, that all the apostles and disciples and the rest would have concocted the event. But he forgets to explain why would they have done it? 

People lie to obtain some sort of profit or to hide their shame. They do not lie to get insults, hard life, persecutions, unspeakable tortures and horrible deaths.       (ndM)

INDEED   HE’S   RISEN !

MACCHIAVELLI RELOADED – CAPITOLO DICIASSETTESIMO

October 23, 2013

La professione del giureconsulto rende coloro che la esercitano freddi, crudeli ed ostinati, li priva di tutti i principi e li obbliga a formarsi un concetto della vita che non è umano ma puramente legale. Si abituano anche a vedere le circostanze soltanto dal punto di vista di quanto si può guadagnare facendo una difesa, senza badare alle conseguenze che essa può avere sul bene pubblico.

Un avvocato non si rifiuta mai di difendere una causa. Egli farà di tutto per ottenere l’assoluzione a qualunque costo, attaccandosi ai più meschini cavilli della giurisprudenza, e con questi mezzi egli demoralizza il tribunale. Perciò noi limiteremo la sfera d’azione di questa professione e metteremo gli avvocati sulla stessa base dei funzionari esecutivi. Tanto gli avvocati patrocinatori, quanto i giudici, non avranno il diritto di intervistare i loro clienti e riceveranno il loro mandato difensivo a seconda dell’assegnazione che ne farà il tribunale. Essi studieranno la causa esclusivamente attraverso i documenti ed i rapporti, e difenderanno i loro clienti dopo che questi saranno stati interrogati in tribunale dal pubblico ministero, basando la difesa di essi sui risultati di questo interrogatorio. Il loro onorario sarà fisso senza tener conto se la difesa sia o meno, riuscita. Essi diventeranno dei semplici relatori in favore della giustizia, agendo in senso opposto al pubblico ministero, il quale sarà un relatore in favore dell’accusa. In questo modo la procedura legale sarà considerevolmente abbreviata. Inoltre, con questi mezzi otterremo una difesa onesta ed imparziale, la quale non sarà promossa dagli interessi materiali, ma bensì dalla convinzione personale dell’avvocato. Si avrà inoltre il grande vantaggio di metter fine a qualunque forma di subornamento e di corruzione, che all’epoca attuale può aver luogo nei tribunali di alcuni paesi.

Abbiamo messo molto impegno nello screditare il clero dei Gentili agli occhi del popolo, e siamo così riusciti a nuocere alla sua missione che avrebbe potuto ostacolare molto il nostro cammino. L’influenza del clero sul popolo diminuisce di giorno in giorno.

Attualmente la libertà di religione prevale ovunque, e l’epoca che il Cristianesimo cadrà in frantumi non è oramai troppo distante. Sarà ancora più facile per noi distruggere le altre religioni. Ma è prematuro per ora di discutere questo argomento.

Noi ridurremo il clero e le sue dottrine a tener così poco posto nella vita, e renderemo la loro influenza così antipatica alla popolazione, che i loro insegnamenti avranno risultati opposti a quelli che avevano una volta. Quando sarà arrivata l’ora di annientare la Corte papale, una mano ignota, additando il Vaticano, darà il segnale dell’assalto. Allorquando il popolo, nella sua ira si scaglierà sul Vaticano, noi ci atteggeremo a suoi protettori per evitare lo spargimento di sangue. Con questo atto penetreremo fino al cuore di tale Corte, e nessuno potrà più scacciarcene finché non avremo distrutto la potenza papale. Il Re di Israele diventerà il vero Papa dell’universo: il Patriarca della Chiesa Internazionale.

Ma finché non avremo compiuto la rieducazione della gioventù per mezzo di nuove religioni temporanee, per condurla alla nostra, non attaccheremo apertamente le Chiese esistenti, ma le combatteremo con la critica, la quale ha già suscitato e continuerà a suscitare dissensi fra esse. Genericamente parlando, la nostra stampa denuncerà i governi e le istituzioni dei Gentili, sia religiose che d’altro genere, mediante articoli d’ogni specie spogli di qualunque scrupolo, allo scopo di screditarli al massimo grado, così come noi soli sappiamo fare. Il nostro governo somiglierà al dio centimane Visnu degli Indiani. Ognuna delle sue cento mani terrà una delle molle della macchina sociale dello Stato. Sapremo tutto senza l’aiuto della polizia ufficiale, che è stata così insidiosamente corrotta da noi, da non servire ad altro che impedire ai governi dei Gentili di venire alla conoscenza dei fatti veri. Il nostro programma persuaderà una terza parte della popolazione a sorvegliare il resto, per un alto senso di dovere ed in base al principio del servizio governativo volontario. Allora non sarà più considerato come un disonore, ma anzi come cosa lodevole, fare la spia. D’altra parte, chi porterà notizie false sarà veramente punito, per evitare che l’alto privilegio del rapporto diventi un abuso. I nostri agenti verranno scelti tanto fra le classi alte quanto fra le basse. Li prenderemo fra gli amministratori, editori, stampatori, librai, impiegati, operai, cocchieri, lacchè ecc. Questa forza poliziesca, non avrà nessun potere indipendente di azione e nessun diritto di prendere qualsiasi misura di sua iniziativa; quindi il dovere di questa polizia impotente consisterà semplicemente nel fare dei rapporti e delle testimonianze. La verifica dei suoi rapporti, e gli arresti, dipenderanno da un gruppo di ispettori di polizia responsabili. Gli arresti saranno fatti da gendarmi e da guardie di città. Qualunque persona, che avendone l’incarico, ometta di far rapporto d’una mancanza qualsiasi, anche piccola, in fatto di politica, sarà punita per delittuoso nascondimento di delitto, se potrà provarsi che ne è colpevole. Analogamente devono agire ora i nostri fratelli, devono cioè di loro iniziativa denunziare alle autorità competenti tutti gli apostati, nonché tutte le azioni che potrebbero essere contrarie alla nostra legge. Nel nostro Governo Universale, tutti i nostri sudditi avranno il dovere di servire il nostro sovrano agendo nel modo suddetto.

Un’organizzazione come la nostra sradicherà ogni abuso di potere nonché le varie forme di subornamento e di corruzione. Insomma, essa distruggerà tutte le idee con le quali abbiamo contaminato la vita dei Gentili mediante le nostre teorie sopra i diritti sovrumani. Come avremmo potuto riuscire nel nostro intento di creare il disordine nelle istituzioni amministrative dei Gentili, se non con mezzi simili? Fra i più importanti mezzi per corrompere le loro istituzioni, vi è l’uso di quegli agenti che sono in grado – per la loro attività distruttiva individuale – di contaminare gli altri, svelando e sviluppando le loro tendenze corrotte, quali l’abuso del potere e l’uso sfacciato della corruzione.

Zoë

October 19, 2013

The girl who did exact a dance from St. Nicholas.    (Testimonies)

Inno Acatisto a San Nicola

san_nicola

SERATA IN ONORE DEL PROFESSOR DI BELLA

October 18, 2013

Con il figlio Adolfo, autore della biografia del grande medico siciliano.

SOUNDTRACK

October 17, 2013

Sergio Bruni – A Voce e’ Napule – Nuova Compagnia  di Canto Popolare

MDB – CONDIZIONI PER IL SUCCESSO

October 17, 2013

Buon giorno gent. sigg. Da tempo mi interesso dei fatti che riguardano il mdb, mi sono iscritto al “gruppone” facebook (siamo a 12.700 iscritti!!!) e intervengo quando leggo informazioni false su vari siti.
La domanda che faccio forse è poco sensata ma spero che mi possiate dare una risposta lo stesso. Vedo che malati che fanno il mdb in tempo e senza prima chemio o radio guariscono tutti e ci sono moltissime testimonianze di questo. Ci sono anche malati che lo fanno magari dopo avere fatto chemio ma ancora in buone condizioni, e qui in certi casi la cura funziona e in altri meno. Questo fatto da che cosa dipende? Si tratta di aggiungere altre sostanze al mdb? Si sta facendo ricerca su queste ragioni per riuscire a guarire anche tumori avanzati?

Grazie per la risposta

*****

Il suo quesito è perfettamente legittimo. Altre volte abbiamo avuto modo di chiarire che se la guarigione è l’aspettativa di rito per un Mdb adottato in tempo utile e in prima linea terapeutica, stadiazioni avanzate e precedenti trattamenti incrementano notevolmente l’alea del risultato.
Le pregresse terapie, oltre a causare danni anche irreversibili a funzioni fondamentali, possono moltiplicare l’aggressività e l’invasività del male, rendendo insufficiente l’azione dei componenti Mdb e consentendo solo una sopravvivenza più lunga ed un miglioramento della qualità di vita. Natura dei cicli, loro posologia e durata giocano un ruolo fondamentale.

Quindi la terapia non “funziona di più o di meno” (per usare un’espressione impropria) per ragioni imperscrutabili,  ma per motivi precisi e conosciuti. Non ci diffondiamo su fattori determinanti, quali quelli attinenti all’adeguatezza e congruità delle prescrizioni, già altre volte ampiamente trattati.
Come ebbe a precisare il Prof. Luigi Di Bella, “i risultati sarebbero più brillanti” se invece di una ostilità a tutto campo vi fosse collaborazione delle pubbliche strutture e assenza di preclusioni nell’accesso a farmaci di difficile acquisizione (in primis fattori di crescita del sangue e costose specialità).
Lo stesso dicasi per alcune ossessive strategie ostili, che hanno reso indisponibili o impraticabili alcune prassi terapeutiche (ad esempio la somministrazione, in determinati casi,  di melatonina per infusione).
Il potenziamento del Mdb, a parte quanto precede, è possibile, a condizione che, attenendosi al “razionale” profilato dal suo Ideatore, non medici di basso rango, ma medici ricercatori di alto profilo rendano possibile tramutare in realtà farmacologica le sue ultime acquisizioni (Citocalasina B e altro). E si sta lavorando anche su questo versante.
La terapia “funziona sempre”. Purtroppo è l’organismo, specie quando defedato dall’insipienza di trattamenti nocivi, a “non funzionare”. Il tutto senza dimenticare che, di fronte ad un tumore, non possono esistere certezze assolute, ma solo probabilità più o meno elevate di vincerlo.
Cordialmente

STAFF D.B.I.